Cerca

L'editoriale

Grillo è già finito allo spiedo

Epifani e i suoi negano, ma il ddl Finocchiaro è uno sgambetto ai pentastellati in difficoltà in vista delle elezioni. La figuraccia sulla diaria, gli strappi sulla trasparenza e le prime sconfitte: per il comico passare l'estate sarà dura

21 Maggio 2013

2

di Maurizio Belpietro
@BelpietroTweet

Altro che Grillo parlante: lo scherzetto che il Pd gli sta preparando rischia di trasformare il popolare Beppe in un Grillo silente. A zittirlo saranno le norme proposte ieri da Anna Finocchiaro e Luigi Zanda, che - se approvate - imporranno che un partito per dichiararsi tale, e candidarsi alle elezioni, debba  avere una struttura, degli organi dirigenti e delle regole democratiche interne. Tutte cose che il Movimento 5 stelle non ha e faticherebbe ad avere, data la sua  natura di sintesi di vari gruppi che si organizzano in rete e non in sezioni. Insomma, con una semplice leggina che si richiama ad un articolo della Costituzione mai attuato in 65 anni di vita repubblicana, il Partito democratico taglierà le unghie a Grillo, eliminando un pericoloso concorrente, che più di Nichi Vendola e Paolo Ferrero (il primo leader di Sel, il secondo di Rifondazione comunista, o meglio di quel che ne resta) impensierisce il gruppo dirigente progressista. La vera spina nel fianco di Epifani e prima di Bersani, infatti, non è la sinistra radicale: sono i pentastellati. È il canto della sirena grillina che sta mandando fuori rotta la base del partito e allora, per  far recuperare la bussola agli elettori alla deriva, ecco l’emendamento che spiaccica Grillo contro un muro.

Naturalmente i pinocchi del Pd sostengono che il richiamo  all’articolo 49 non è contro il Movimento 5 stelle, ma si tratta di rispettare le regole  volute dai padri costituenti. Un richiamo che però, guarda caso, arriva con quasi tre quarti di secolo di ritardo, perché fino a ieri nessuno - ma proprio nessuno - ha sentito il bisogno di rifarsi alla norma sulla forma giuridica dei partiti, prova ne sia che i bilanci di quest’ultimi non sono mai stati sottoposti al Codice civile e ciò ha consentito che si verificassero le ruberie di Lusi e Fiorito (a proposito: perché per il secondo siamo già al processo e per il primo campa cavallo?). 

Ma la trappola con cui il Pd vuole ingabbiare Grillo per poi cuocerlo a puntino non è il solo pericolo da cui deve guardarsi l’ex comico trasformato in politico. Il quale -  oltre a dover tenere a bada un rissoso gruppo parlamentare, che a soli tre mesi dalla nascita rischia la scissione perché i neoeletti  non hanno alcuna voglia di tagliarsi la diaria -  domenica ha dovuto registrare un velenoso attacco dalla Giovanna d’Arco di Rai3, che non è la Litizzetto ma quella suorina di Milena Gabanelli. Report ha infatti mandato in onda un servizio in cui  si interrogava sui proventi del blog di Grillo, un sito web che non è del partito ma del capo del partito, il quale si sospetta sia il beneficiario degli acquisti online. Malizie ingiustificate? Può darsi, ma per giustificarsi basterebbe poco e cioè aprire alla trasparenza mostrando i conti e i flussi di denaro.  Al contrario, invece di fare la cosa più semplice, i grillini se la sono presa con Mijena Gabanelli, dandole della traditrice. «Ma come?», è il succo del discorso dei militanti, «noi ti scegliamo come candidata alla presidenza della Repubblica e tu ci ripaghi con questa moneta?». Ragionamento che in assoluto non fa una piega ma cozza rumorosamente con il dovere di rendicontare tutto, di cui Grillo e il suo guru Casaleggio si sono fatti paladini. Se gli onorevoli sono costretti a mettere online gli scontrini, perché non si può  conoscere quanto incassa di royalties il boss dei boss? 

Invece, a quanto pare, le royalties di Grillo sono custodite meglio del terzo segreto di Fatima e il solo parlarne irrita i militanti, che infatti via web si sono esercitati al tiro al bersaglio contro la giornalista di Rai3, degradata in un amen da pulzella a paladina della Casta. Del resto, il nervosismo dei pentastellati è più che comprensibile. Dopo la marcia trionfale che li ha condotti in forze in Parlamento, ora i grillini scontano il riflusso di chi aveva creduto in un rapido cambiamento della politica italiana. Incurante delle aspettative, il comico ha preferito  congelare i propri voti, evitando di sporcarsi le mani con Bersani e compagni. E gli elettori congelano l’entusiasmo per i Cinque stelle. Risultato: i sondaggi segnalano un lento ma inesorabile arretramento di Grillo e della sua squadra. Se si votasse oggi l’M5S non riprenderebbe il 25 per cento e perderebbe il titolo di secondo partito italiano così facilmente conquistato. Nelle scorse settimane si è accesa la spia d’allarme delle votazioni in Friuli, dove rispetto alle Politiche il Movimento ha perso diversi punti. E adesso tutti gli occhi sono concentrati su Roma e su un candidato che sembra non andare fortissimo.

Insomma, le piazze si svuotano, non sempre a causa della pioggia, e qualcuno inizia a pensare che se le cose vanno in questo modo, Grillo ballerà una sola estate. Altro che Grillo calante. Tra poco ci toccherà raccontare il Grillo perdente.     

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fabiou

    22 Maggio 2013 - 00:12

    prima che i poteri forti si mangino pure silvio berlusconi, fate vedere l intervento contro il bilderberg fatto dal 5stelle CARLO SIBILIA

    Report

    Rispondi

  • vedrana

    vedrana

    21 Maggio 2013 - 17:05

    Comincia a stringere il c... il pentastellato da 4.000.000 di €. Molti forse non sanno che il furbacchione, utilizzando solamente internet ad ...Klik... il capo ci guadagna e di brutto, quindi la smetta di fare il populista ai creduloni e torni a fare il comico. Ma naturalmente guadagnerà di meno. Pecunia non olet.

    Report

    Rispondi

media