Cerca

Editoriale

Avevo visto giusto su Gianfranco, Regeni e il sesso

5 Novembre 2017

1
Avevo visto giusto su Gianfranco, Regeni e il sesso

Due chiacchiere domenicali ispirate dalle notizie di giornata. Si parla di nuovo di Regeni, delle sue paure quando era in Egitto a studiare le problematiche sindacali di questo tribolato Paese. Della vicenda di Giulio non si sa nulla di preciso. Non si capisce perché il neo dottore si sia recato in riva al Nilo nel momento peggiore. Erano appena finite le primavere arabe, peggiori degli inverni, ma lui accettò di trasferirsi al Cairo per studiare le questioni riguardanti i rapporti tra lavoratori e aziende. A quale scopo? Non si sa. È un fatto che l’Egitto, dopo essersi consegnato ai Fratelli Musulmani, cugini dei terroristi, si sia affidato a un dittatore militare per ripristinare un minimo di legalità. Regeni, spinto da qualcuno si recò ugualmente in zona piramidi, ignaro dei pericoli che ciò comportava. Gli studi lo portarono vicino al fuoco e si bruciò. Egli si occupò probabilmente di faccende che era meglio trascurare e fu scambiato per un rompicoglioni.

Leggi l'editoriale di Vittorio Feltri
su Libero in edicola domenica 5 novembre
o acquista una copia digitale del quotidiano

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Delfinogrande

    Delfinogrande

    05 Novembre 2017 - 11:11

    Caro Feltri! Regeni era probabilmente solo uno che aveva denaro a portata di mano, in un mondo di morti di fame!

    Report

    Rispondi

media