Cerca

L'editoriale

L'ordine pubblico non basta

La risposta al movimento spontaneo dei Forconi deve darla una politica troppo lontana dai problemi delle persone Perché ogni cittadino sta portando in piazza le sue tante ragioni d'irritazione. Che vanno capite e affrontate

10 Dicembre 2013

6

I vertici delle forze dell’ordine sono preoccupati per ciò che sta accadendo in Italia con la cosiddetta protesta dei forconi. Carabinieri, polizia e perfino i servizi segreti sono in allarme per le possibili infiltrazioni del movimento, che pur non avendo leader chiaramente identificabili, né un’organizzazione o una precisa  piattaforma rivendicativa, starebbe riscuotendo successi in tutta la penisola. A far rizzare le antenne agli investigatori sarebbe stato in particolare quanto successo a Torino lunedì pomeriggio, quando ai pacifici manifestanti provenienti dal mondo del lavoro e dell’impresa si sarebbero uniti anche i militanti dei centri sociali e della tifoseria più estrema, gente spesso più intenzionata a menar le mani e provocare incidenti che a ragionare. 

Insomma, i responsabili dell’ordine pubblico hanno il timore che la protesta sfugga di mano a chi l’ha organizzata e sfoci in qualche cosa di imprevisto. Del resto, che ci sia qualcuno che soffia sul fuoco non è una scoperta, in particolare tra Piemonte  e Liguria, dove non solo lunedì si sono registrate le iniziative più estreme (le molotov, il tentativo di irruzione nel palazzo della regione, l’occupazione della stazione), ma sono  anche zone dove il movimento antagonista e quello anarchico hanno già dato segni preoccupanti come gli attentati in Val di Susa o l’agguato a un dirigente dell’Ansaldo. A questi motivi di allerta se ne aggiungono altri, che non riguardano i No Tav e il loro mondo, ma i movimenti di estrema destra, gruppi che fanno temere una saldatura tra chi protesta e gli emuli italiani di Alba dorata, partito nazionalista che in Grecia grazie alla crisi economica è cresciuto al punto da conquistare una ventina di deputati, ma il cui leader è finito in galera con l’accusa di omicidio. 

La chiusura delle aziende, la disoccupazione, la sfiducia nei confronti delle istituzioni e il forte sentimento anticasta potrebbero in pratica ingrossare le fila dei contestatori e quello che per ora sembra un movimento disorganizzato, di piccoli imprenditori, artigiani, autotrasportatori e agricoltori potrebbe diventare presto qualcos’altro, forse più serio, forse addirittura più pericoloso. Eccessi di prudenza di chi ha il compito di vigilare sull’ordine pubblico? Può darsi. Sta di fatto che se si vogliono evitare tensioni e rischi, a nostro parere c’è una sola via e non passa dalla repressione del fenomeno. Mettere più poliziotti a guardia dei punti nevralgici di una città o presidiare gli svincoli delle principali arterie stradali per impedire blocchi alla circolazione consente di fronteggiare temporaneamente il problema, ma non di risolverlo.

Già, perché la protesta dei forconi non è - o per lo meno non è solo - una questione di sicurezza, da risolvere mandando il reparto celere, ma è una questione di malcontento e questa non la si affronta con gli agenti in assetto anti sommossa, bensì intervenendo sui fattori che generano l’insoddisfazione. Chi ha deciso di mettere una tenda di fianco ai caselli dell’autostrada, lasciando la cascina, i campi e le mucche da mungere, e chi ha rinunciato a giornate di lavoro alla guida del proprio camion pur di sfilare in corteo, non è un contestatore di professione, né un perditempo. È semplicemente un artigiano o un lavoratore che non ce la fa più e chiede che il sistema cambi.

Dicevamo che non esiste una piattaforma unica del movimento. Ogni manifestante ha le sue ragioni. C’è chi si lamenta per l’eccesso di tasse, chi della troppa burocrazia, chi della mancanza di credito. Tutti però sono uniti dalla volontà di cambiare e di mandare a casa una classe politica che si è dimostrata incapace di risolvere i problemi della piccola impresa e del mondo del lavoro. Sono anni che sentiamo parlare di riduzione dei costi della politica e di tagli alla spesa pubblica, tuttavia al posto di misure chiare su questi fronti sono arrivate nuove tasse, che si sono aggiunte alle molte che già gli italiani pagano. Ad ogni cambio di governo le imposte salgono ed insieme ad esse aumentano le promesse non mantenute. Così oltre al carico fiscale raddoppia il carico di adempimenti burocratici, quasi che lo Stato avesse come principale obiettivo quello di complicare la vita a chi deve sbarcare il lunario. È vero che gli italiani sono tolleranti e hanno la memoria corta, cosicché è facile fregarli, ma alla fine la pazienza ha un limite e non è detto che non lo si sia già superato. 

Beppe Grillo invita poliziotti e carabinieri a non difendere più i politici ma a schierarsi con chi vuole costringere il Palazzo ad «arrendersi». Quello del leader a Cinque Stelle è un tentativo di accaparramento della protesta, diciamo un modo forse un po’ strumentale di usare il movimento dei forconi. Occhio però, se non si fa niente per cambiare, prima o poi il forcone arriva e qualcuno si fa del male.

di Maurizio Belpietro
[email protected]
Twitter @BelpietroTweet

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • highlander5649

    11 Dicembre 2013 - 20:08

    è diventato il suo opposto. ARMATECI che partiamo... allons enfants la guerre ne peut plus attendre .. armiamoci anche di buone intenzioni anche se dubito si vderaano subito risultati.. per essere efficace la *rivolta gentile* dovrebbe tagliare la linfa che alimenta gli sprechi e le ruberie dei partiti e delle varie caste.. insomma i *tagli* lineari, diciamo rasoiate che incidono il bubbone dobbiamo farli noi tutti insieme, ma ahimè ho provato a parlarne con funzionari confartigianato, presidenti provinciali di albi professionali ma loro si limitano a belare quando dovrebbero ruggire e sputare fuoco come godzilla il famoso drago dei cartoni animati. certo che dovrebbero essere loro a incitare i loro assistiti a ribellarsi, invece li convocano per le rate imu in scadenza chissà quando...

    Report

    Rispondi

  • giovsim

    11 Dicembre 2013 - 18:06

    Mandare a casa loro ( o nelle loro prigioni) tutti gli extracomunitari delinquenti o che non possono mantenersi. Ridurre drasticamente tutti i compensi ai politici con annessi e connessi. Far pagare a tutti le tasse, ivi compresi le categorie che per buonismo ideologico non vengono mai toccate:colf,badanti, muratori, vu cumpra e simili ....

    Report

    Rispondi

  • avvfalaz

    11 Dicembre 2013 - 17:05

    in realtà, non c'è tempo, ma, per precauzione pressapochista e tira-à-campa' tutta italiana, uso il condizionale. La misura è colma, la piazza è piena e, non è solo quella berlusconiana che pur c'è, non è solo quella grillina che pur c'è, non è solo quella spontanea sociale varia e frammentata che, finalmente, pur c'è: è tutte insieme. Ora urgono i pontieri politici per amalgamare il tessuto sociale. Ora urgono i pensieri metapolitici per tracciare il percorso, quanto più consono al cammino storico del dritto, Naturale prima, positivo, poi. Dicevano che il centrodestra fosse avvinghiato sui problemi di una persona: per fortuna! Il PD è avvinghiato su se tesso, e vai ad eliminare un apparato di centinaia di persone! Forza, Forze dell'opposizione, e senza tanti forse unite i Vostri singoli "verum". Facciamola finita col teatrino.Giù la maschera.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media