Cerca

L'editoriale

Ma ora Renzi rottami la giustizia

Il partito dei tribunali ha paura che il segretario pd possa mettere mano alle storture del sistema, riuscendo là dove Berlusconi ha fallito. E per questo è pronta a riservargli lo stesso trattamento

24 Gennaio 2014

2

All’epoca di Mani pulite i politici indagati si consolavano dicendosi che chi non aveva un avviso di garanzia non era nessuno:  si sa come è andata a finire. In particolare lo sa Silvio Berlusconi, che appena fondò  Forza Italia di notifiche giudiziarie fece collezione. La magistratura ci ha messo vent’anni, ma alla fine è riuscita a condannarlo e a cacciarlo dal Parlamento, seppellendo ogni suo desiderio di riformare la giustizia. Adesso però, liquidato il Cavaliere, gli occhi dei pm sarebbero rivolti verso il nuovo che avanza, cioè Matteo Renzi. Parola di Claudio Velardi, uno che di queste cose se ne intende. In due interviste, al Quotidiano nazionale e a Libero, l’ex consigliere di Massimo D’Alema ai tempi del primo governo post comunista della storia avvisa il sindaco di Firenze: «Il sistema non si lascerà cambiare senza aver combattuto e come al solito si servirà della magistratura per fare a pezzi il riformatore che più lo minaccia».

Secondo l’uomo che affiancò Spezzaferro a Palazzo Chigi, finendo travolto come il suo capo, la magistratura è stata negli ultimi vent’anni il più efficace difensore di un sistema consociativo che ha interessi ramificati. Velardi non parla di complotto contro il neo segretario del Pd né ritiene che le toghe si muovano al comando di qualcuno. Semplicemente sostiene che, essendosi abituati a primeggiare sulla politica, i giudici non cederanno volentieri il potere che hanno conquistato e guarderanno con sospetto ogni leader forte che intenda cambiare qualcosa. Domanda Andrea Cangini, l’intervistatore del Qn: dunque Renzi deve stare attento? Risponde Velardi: «Attentissimo, e infatti a Firenze è in corso da tempo un lavorìo per trovare qualche ossicino nascosto nei suoi armadi». Per l’ex  consigliere di D’Alema i magistrati aspettano solo che il Rottamatore metta mano alla riforma della giustizia e se le proposte non saranno gradite, per impedire che arrivino in porto «useranno ogni mezzo».

Semplici ipotesi? Può darsi. Certo, uno che ha masticato pane e politica fin da quando aveva i calzoni corti e, dopo aver  salutato il lìder Maximo, ha sempre bazzicato il potere, è difficile che parli a vanvera. Più probabile invece che abbia annusato qualcosa.  Del resto che Renzi sia guardato come una specie di oggetto misterioso non solo dalla minoranza del suo partito ma anche dalla maggioranza del partito delle toghe non è una novità. Ancora non hanno capito di che pasta è fatto e in particolar modo che piatti intenda  cucinare. I più suppongono che sia un cavallo di Troia, cioè uno che presentandosi come leader di una sinistra riformatrice in realtà faccia parte di quella destra che, invece di riformarla, la sinistra vuole asfaltarla. Ancora gli rimproverano l’incontro con Silvio Berlusconi, cioè quando, appena diventato sindaco, andò ad Arcore e per di più in gran segreto.

Quando poi ha deciso di rivedere il Cavaliere, spalancandogli le porte della sede del Pd, apriti o cielo: manco avesse accolto il diavolo in Vaticano. Qualcuno teme che la trattativa sulla legge elettorale sia la punta di un icerberg  e sospettano che il sistema con cui votare sia la parte emersa dell’intesa, mentre quella sommersa nasconderebbe un accordo su altre riforme, a partire da quella giudiziaria. 

Perciò, nonostante sul capo gli piovano indagini e processi con ogni genere di accusa, Berlusconi starebbe calmo e, addirittura, inviterebbe i suoi a non attaccare Matteo Renzi.  Del sindaco di Firenze il leader di Forza Italia si fida, dicono in giro, ma non perché gli ha promesso le elezioni che da tempo insegue, bensì perché spera che il Rottamatore faccia ciò che a lui in vent’anni non è riuscito a fare, cioè mettere le manette ai giudici. Mezza sinistra sarebbe anche d’accordo, a cominciare dallo stesso D’Alema, il problema è trovare chi abbia il coraggio di farlo senza rischiare di finire dietro le sbarre. Sarà dunque il neo segretario del Pd  l’uomo giusto? Oppure ancora una volta saranno loro a regalare un paio di braccialetti al politico che minaccia di tagliar loro le unghie? 

Sia come sia, se questi sono gli sviluppi che ci attendono, la partita si fa interessante.  Nei giorni scorsi abbiamo espresso più di una riserva nei confronti del sindaco di Firenze, perché ci sembrava più impegnato a far secchi gli avversari che a eliminare gli ostacoli che impediscono all’Italia di cambiare. Ma se il ragazzo rottama davvero la giustizia,  a cominciare dalla guardia armata che le monta intorno e intralcia ogni cambiamento, siamo pronti a ricrederci e perfino a morire renziani. Oddio, morire forse è un po’ troppo: diciamo a rassegnarci al renzismo.  

di Maurizio Belpietro
@BelpietroTweet

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • xindicativo

    25 Gennaio 2014 - 13:01

    Anche fare il boia è ritenuto un mestiere , ma fare il becchino ha molto più valore di sevizio , quindi realmente utile rispetto al primo . Mi conceda pertanto il beneficio di una esortazione a Lei che intuisco come in possesso di precipitato di valore assoluto , persona adatta all'elaborazione di strumenti comunicativi che abbiano , oltre che la etica capacità di informare e la sapienza d'indurre in riflessiva sensibilità " moltitudini di tronfie giulive anime belle .......mi conceda dicevo non sia sopraggiunto il tempo Delle "conseguenze " , cioè di insegnare la cogenza step by step , day by day , il vero percorso di saggezza per poter ancora salvare libertà e dignità , indispensabili per legittimare il lavorare alla costruzione di esistenze che valgano la pena di essere vissute , felicità vera e non scimmiottata da tristi mal riposte concezioni di progresso o civiltà . Poi , se volesse , avrei contributi d'elargizione in merito!!

    Report

    Rispondi

  • frankie stein

    25 Gennaio 2014 - 08:08

    L'ha rottamata Silvio la giustizia, ma un nuovo congegno potrebbe essergli fatale, ed e' suo problema non rendersene conto. Si tenga quindi il vecchio meccanismo, da lui rimaneggiato, e ringrazi il cielo per il lunghissimo kilometraggio consentitogli. Notifiche giudiziarie appena fondo' FI? Precedentemente al 1994 c'eravamo anche noi, a leggere di lui, Dir.!

    Report

    Rispondi

media