Cerca

Conti sempre peggio

La cura non funziona, mandiamo via il professor Monti

di Maurizio Belpietro

12 Aprile 2012

8

Ops, i conti non tornano! Sono passati poco più di quattro mesi dall’insediamento di Mario Monti e dei suoi ministri. Per l’esattezza 137 giorni. E qualcosa nel piano che dovrebbe salvare l’Italia dal tracollo comincia a non funzionare. Non solo si è conclusa la luna di miele che aveva garantito al neo presidente del Consiglio di godere di buona stampa, in Italia e all’estero. Ma sono soprattutto gli indici a dare i numeri.

In particolare il cosiddetto spread. Il premier ne aveva fatto una bandiera, anzi il simbolo delle sue teorie economiche. Appena arrivato a Palazzo Chigi aveva lasciato capire che sarebbe bastato il suo nome a spegnere i bollenti spiriti del  differenziale fra le quotazioni dei nostri titoli di Stato e i bund tedeschi. In effetti, dopo qualche settimana l’indicatore è cominciato a scendere, più per la liquidità pompata dalla Banca centrale europea di Mario Draghi che per la rassicurante presenza di Mario Monti, ma ciò nonostante il capo del governo se ne è accaparrato i meriti. «Lo spread non tornerà a salire», garantiva alla fine di febbraio. E pochi giorni dopo dava segni di tranquillità, dichiarando che l’unico spread a rischio di allargarsi era quello tra i partiti.

Colpito a tradimento da un’improvvisa fiammata del super-indice, il bocconiano non ha saputo far di meglio che dare la colpa agli altri. La Spagna innanzi tutto, ma anche Emma Marcegaglia e perfino i giornali stranieri che non capiscono. Poi, resosi conto di aver usato le stesse frasi che prima di lui erano state pronunciate da Berlusconi, il presidente del consiglio si è rimangiato le parole, facendo sostenere al proprio ufficio stampa di non averle mai dette.

Smentite o no, la sostanza rimane invariata: se lo spread  si abbassa è merito di Monti, se sale è colpa degli altri. Ma indipendentemente dalle curiose teorie dell’inquilino di Palazzo Chigi, ciò che conta è che la cura non funziona. Ieri il governo è stato costretto a piazzare le nuove emissioni di titoli di Stato ad un prezzo quasi doppio del precedente, ma soprattutto ciò che preoccupa è la tenuta dei conti pubblici. Più di un osservatore infatti si sta rendendo conto che se il Paese non si riprende, sarà difficile centrare gli obiettivi. Del resto si fa alla svelta a verificarlo: nonostante la valanga di tasse che il premier ha scaricato sulle spalle dei contribuenti, se il Pil non risale tutti i calcoli rischiano di andare a pallino, perché agli introiti derivanti dalle nuove imposte corrisponderà un calo del gettito dovuto alla mancata crescita.

Qualche settimana fa, su nostra sollecitazione, la Cgia di Mestre ha provato a fare qualche conto. Risultato, se si prendono le stime del Fondo monetario internazionale che ipotizzano per l’Italia un calo del prodotto interno lordo del 2,2 per cento, la riduzione delle entrate potrebbe essere di 53 miliardi di euro, più cioè di quanto il Fisco ricaverà dalle tasse decise con il decreto fiscale dello scorso dicembre. La somma – in negativo – varia un poco se si prendono le previsioni fatte da Moody’s di una diminuzione del Pil dell’uno per cento.  In tal caso la variazione di gettito rispetto a quanto stimato dal governo è di poco superiore ai 40 miliardi di euro. Si potrebbe continuare con quel che ha preventivato un altro istituto di ricerca, Prometeia, ma  il risultato non cambia. Se il Pil non cresce, se cioè le aziende non producono e vendono di più, e la gente non consuma e non fa salire il fatturato dei negozi, c’è pericolo che il bilancio dello stato peggiori nonostante le tasse. Anzi: proprio per le tasse.

Lo spettro di una nuova manovra, cioè di un’altra correzione a colpi di gabelle che andrebbero a sommarsi a quelle già introdotte, si fa sempre più incombente. E, nonostante le smentite di Mario Monti, si capisce che negli ambienti abituati a far di conto c’è preoccupazione.  I primi segnali sono arrivati dal Financial Times e dal Wall Street Journal, i quotidiani di riferimento della comunità finanziaria. Ma ora a lanciare segnali d’allarme sono gli stessi colleghi di Monti. Sul Corriere della Sera, ieri Alberto Alesina e Francesco Giavazzi, entrambi bocconiani, spiegavano che per far ripartire l’Italia non servono nuove imposte, e dunque non gli aumenti dell’Iva annunciati dal governo per i primi di ottobre. Semmai c’è bisogno di mettere mani alle forbici per recuperare fondi da destinare allo sviluppo. In poche parole quanto sosteniamo noi fin dal giorno in cui il professore si è insediato: si deve tagliare la spesa, non i risparmi delle famiglie.

Non sappiamo se Mario Monti ascolterà i colleghi. A naso prevediamo che tirerà diritto, ignorandoli così come ha fatto quando alcuni prof. si sono permessi di spiegare che la sua riforma del lavoro era più dannosa che utile. In tal caso, se le forze politiche che gli italiani hanno eletto in Parlamento servono ancora a qualcosa, non resta che una soluzione: mandarlo a casa.

di Maurizio Belpietro

 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rugantino

    12 Aprile 2012 - 21:09

    l'utilizzo fallimentare del governo tekniko è sotto gli occhi di tutti, anche il kompagno presidente Napolitano è sparito (aria di fine mandato?), governo tekniko ottimo nell'aver prodotto sonore bastonature fiscali a tutti i ceti esistenti,esclusi i kasti. Vergognoso governo tekniko che non mette mano ai costi spropositati della politika, altro che rimborsi elettorali, qui si tratta di autentico assalto alla diligenza perpetrato da un'orda famelica che non ha più nemmeno il bisogno di travisare il proprio volto: rapine a volto scoperto!! Ecco che tra pochi mesi saranno ridistribuiti altri 200 milioni di eurini (sottratti dalle recenti manovre) alla solita partitokratia per i propri bisogni di arrikkimento; abbiamo poi quell'assordante strillone che invoca il referendum (sperando di incettare altri milioncini di euri - tra rimborsi + spese al partito proponente la consultazione) dimenticando che il referendum ci fu e gli esiti furono inequivocabili:NO al finanziamento dei partiti!! NOO

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    12 Aprile 2012 - 18:06

    Dopo il collettivismo (statalismo) adesso é l'ora del fallimento del liberismo. Parole come 'concorrenza', 'mercato', hanno perso gran parte del loro significato. I concorrenti si mettono d'accordo tra loro ed il mercato é il luogo dove domanda e offerta si incontrano ma quasi sempre uno é piu' forte dell'altro e influenza il mercato ( a parte il fatto che l'influenza puo' essere provocata). Non c'é all'orizzonte nessun altro sistema e l'attuale continuerà per questo sua vantaggio di non aver concorrenti. Allora un paese che si rispetti deve badare al sociale e redistribuire la ricchezza non in maniera uguale ma salvaguardando chi é rimasto troppo indietro ed é caduto nella situazione di subumanità. La tassazione é il mezzo di redistribuzione (ma non sulla produzione ma sul reddito conseguito e sul patrimonio ). Temo che una specie di comunismo, uscito dalla porta rientri dalla finestra in chiave moderna (non sovietica, ma di equità).L'alternativa é il moto di piazza.

    Report

    Rispondi

  • cheope

    12 Aprile 2012 - 16:04

    Qui bisogna ripartire da zero. L'economia mondiale ha fallito, e ha fallito perchè nella maggioranza dei casi a guidarla c'è una manica di cialtroni (per non dire di peggio) che intasca soldi, che poi non si sa dove vanno a finire. In ogni caso dubito che gli Italiani tornino a votare, penso che alle prossime elezioni diserteranno le urne in massa.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media