Cerca

Salute pubblica

La polizia scheda
le prostitute
malate di Hiv

L'iniziativa in Grecia: fotografie e indirizzo online. Il governo: "I clienti devono essere consapevoli dei pericoli".

Per strada

prostitute si "contendono" un cliente

Le prostitute malate di Aids finiscono alla gogna in Grecia. Nei giorni scorsi è stato pianificato un blitz della polizia greca contro numerose case chiuse in tutto il Paese, accusate di provocare intenzionalmente danni alla salute pubblica. Un centinaio di donne è finito in cella. Tra queste, 17 di nazionalità greca, bulgara e russa sono risultate sieropositive. E le immagini delle malate sono state diffuse sul sito web della polizia, con tanto di nome e indirizzo, su richiesta del ministro per la Tutela del cittadino,Michalis Chrysochoidis .

La notizia della divulgazione delle immagini ha indignato non poco i media e le organizzazioni per i diritti umani. La prostituzione nel paese ellenico è ammessa solo in locali autorizzati, ma quella illegale finora è stata tollerata tacitamente. Secondo la procura, le donne hanno ammesso di avere avuto rapporti non protetti con centinaia di uomini. Chrysochoidis ha difeso la sua scelta in tv: «La pubblicazione delle foto è legale», ha detto, precisando che gli uomini che vanno con le prostitute devono conoscere il pericolo. E dopo che le foto sono state diffuse, sono arrivato 1.500 telefonate da uomini che hanno fatto domande sulla sicurezza delle case chiuse e sui test dell'Aids. Non è ancora chiaro se qualcuno sia stato infettato dalle 17 donne arrestate. Ma sta di fatto che la Grecia ha registrato un aumento di casi di Hiv nel 2011. «Secondo il Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie, l'anno scorso sono stati riportati 954 nuovi casi di infezioni di Hiv, in rialzo del 57% rispetto all'anno precedente. 

atene

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sparviero

    03 Maggio 2012 - 23:11

    Il mestiere più antico del mondo ha riservato e riserva spesso agli uomini e soprattutto alle donne spiacevoli problemi. La cosa grave, anzi gravissima che io marito infetto mia moglie, paragonabile non a un tentato omicidio ma ad un omicidio volontario.Non voglio fare il moralizzatore, ma uomini cosa andate cercando? Cosa c'è di più bello della tua famiglia e dei tuoi figli? Riflettete.

    Report

    Rispondi

  • corto lirazza

    03 Maggio 2012 - 22:10

    vorreste forse che la polizia si adoperasse per diffondere l'aids?

    Report

    Rispondi

  • raucher

    03 Maggio 2012 - 20:08

    Le prostitute ammalate contagiano non solo i clienti ( che se la vanno a cercare) ma anche le innocenti moglie e fidanzate.E' ora che le prostitute straniere, che sono tante , se ne tornino a casa loro.

    Report

    Rispondi

blog