Cerca

Gli Usa minacciano l'Iran

"La pazienza ha un limite"

Gli Usa minacciano l'Iran
Washington ha minacciato “nuove durissime sanzioni” nei confronti dell’Iran, a poche ore dalla conclusione della contestata chiusura dei lavori della conferenza contro il razzismo promossa dall’Onu e dove Teheran non ha mancato di attaccare lo stato di Israele.
L’avvertimento è stato lanciato dal segretario di Stato Hillary Clinton che ha voluto precisare che la pazienza degli Usa, di fronte al progetto nucleare iraniano, non è eterna. “Stiamo preparando il terreno per quel genere di sanzioni molto dure in grado di mettere in ginocchio - ha detto la Clinton riferendosi all’Iran – che potrebbero rivelarsi necessarie nel caso che le nostre offerte siano respinte o il negoziato non abbia successo o si riveli inconcludente”.
Teheran: noi andiamo avanti - La risposta è arrivata dal ministro degli Esteri iraniano, Manouchehr Mottaqi Jalili che ha ribadito che l’Iran non sospenderà il suo programma di arricchimento dell’uranio, insistendo che è finalizzato solo alla produzione di energia elettrica.
"La repubblica islamica proseguirà le sue attività nucleari con un’interazione con l’Aiea nella cornice del Trattato di non proliferazione nucleare e delle sue regole", ha detto Jalili. Il capo negoziatore ha criticato l’approccio delle potenze mondiali che "hanno cercato di usare il linguaggio ella forza e della minaccia invece di quello del rispetto reciproco tra le nazioni". "Questo approccio - ha insistito - ha dimostrato la sua inefficacia".
"A Cuba regime prossimo alla fine" - Hillary Clinton ha parlato anche di Cuba, perché secondo lei il regime di Castro nell’isola “sta per finire”. Nel corso di una testimonianza in commissione Esteri al Congresso, la Clinton ha ripreso le parole dei fratelli Castro, Fidel e Raul, sulla disponibilità del governo de L’Avana di confrontarsi con gli Stati Uniti su questioni scottanti, come quelle dei prigionieri politici e dei diritti umani.
"Stiamo assistendo all’inizio di un dibattito a Cuba", è l’opinione della Clinton. "Penso che questo è un regime che sta per finire”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog