Cerca

Iraq, preso Omar Al Bagdadi

È il successore di Al Zarkaw

Iraq, preso Omar Al Bagdadi
Alla fine lo hanno preso. La preda è cadura nella rete dei servizi segreti. Omar Al Bagdadi, presunto leader dello Stato Islamico dell’Iraq e rappresentante di Al Qaeda nel Paese, è stato catturato. La notizia è stata diffusa dal generale dell'esercito iracheno, Kasem Atta, portavoce dell'operazione 'Imporre la legge' in corso a Baghdad. Sembra che il leader terrorista sia stato arrestato nella città di Baghdad. Solo ieri era stato diffuso nei forum islamici sul Web un messaggio audio del suo braccio destro, Abu Ayub al-Masri, considerato il ministro della guerra del gruppo e il capo della componente di al-Qaeda che fa parte dell'alleanza terroristica. Nel suo ultimo messaggio audio, diffuso diverse settimane fa in Internet, al-Baghdady chiedeva agli uomini di un'altra formazione armata, quella degli Ansar al-Sunna, di unirsi al suo gruppo nella lotta armata contro i 'Comitati del Risvegliò creati dal governo di Baghdad per dare la caccia ai terroristi. La figura di Al Bagdadi è enigmatica. Il suo nome ha incominciato a circolare dopo l’uccisione di Al Zarkawi, il fondatore del movimento qaedista iracheno, ma nessuno ha mai visto una sua foto. Si è anche sparsa la voce che fosse solo un nome, quasi un marchio, dietro il quale si celavano diversi militanti.
«L'emiro è stato scovato in seguito a una precisa segnalazione dei servizi segreti iracheni». È quanto ha annunciato il generale Kasem Atta, citato dalla tv di stato di Baghdad. «Il criminale terrorista è stato arrestato grazie a un'operazione coraggiosa e precisa delle forze di sicurezza - ha spiegato - che hanno effettuato un rastrellamento in uno dei quartieri di Baghdad su segnalazione dei servizi segreti». Al-Baghdady è il leader terrorista più importante della storia recente dell'Iraq, subito dopo Abu Musab al-Zarqawi, fondatore di al-Qaeda nel paese, ucciso in un raid aereo nel giugno del 2006. L'arresto avviene in un momento di ripresa dell'attività terroristica in Iraq, dopo una lunga battuta d'arresto provocata dalla discesa in campo dei 'Comitati del Risvegliò, milizie tribali sunnite legate al governo di Baghdad e create in funzione anti al-Qaeda.

Attentato suicida - E questa mattina un kamikaze si è fatto esplodere  in un ristorante ad Al Muqdadiya, vicino a Baquba e a un centinaio di chilometri da Bagdad. Nell'attentato sono morte 45 persone. I feriti sarebbero più di 50. Le vittime sono in gran parte pellegrini iraniani sciiti che erano in viaggio per Kerbala. Giovedì mattina c'era stato un altro attentato suicida a Bagdad, con un bilancio di 28 morti e oltre 50 feriti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog