Cerca

Braccio di ferro con l'India

Nuovo spiraglio per i marò
potranno lasciare il carcere

Massimilano Latorre e Salvatore Girone lasceranno la prigione di Trivandrum e saranno trasferiti in un ex riformatorio

I due militari del battaglione San Marico accusati dell'omicidio di due pescatori indiani
Nuovo spiraglio per i marò
potranno lasciare il carcere

I due marò italiani, Massimiliano Latorre e Salvatore girone, da ormai circa tre mesi reclusi nel carcere di Trivandrum in Indiaperchè accusati della morte di due pescatori, saranno finalmente spostati a Kochi, nella Borstal School: almeno così scrive la stampa indiana, sostenendo che la decisione è stata presa dal governo del Kerala sull'onda dell’ingiunzione della Corte Suprema di New Delhi che aveva accolto la richiesta delle autorità italiane affinchè i due militari fossero fatti uscire dal carcere. La Borston School è un ex riformatorio che nei giorni scorsi era stato visitato dai responsabili della delegazione italiana e giudicato agibile. Domani si terrà l'udienza per la definiione della cauzione.

I due militari del battaglione San Marco sono accusati di omicidio volontario perché lo scorso 15 febbraio, mentre erano di scorta sulla petroliera italiana Enrica Lexie, in navigazione da Singapore all'Egitto, avrebbero sparato su un peschereccio scambiato per una nave pirata uccidendo due pescatori. Nuova Dehli sostiene che lo scontro a fuoco è avvenuto in acque territoriali indiane. Latorre e Girone rischiano di dover rispondere di violazione di quattro articoli del codice penale indiano: omicidio, tentato omicidio, azioni che hanno comportato danni e associazione a delinquere.

trivandrum

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lorella63

    24 Maggio 2012 - 12:12

    Coooooosa "saranno finalmente spostati"?????? a casa DEVONO tornare a casa nostra!!! dobbiamo riportarli a casina loro, ai figli, alle mogli!!! altro che ex riformatorio...Ma che barzellatta d'Italia! Ma in che mani siamo? Individui senza p@@@e e carattere, ci facciamo prendere per il..sedere (si può dire sedere?)anche da sti pezzenti! Mi sale una rabbia per lo sdegno che spaccherei il mondo...un sincero pensiero ed un grosso abbraccio ai ns due fighissimi marò

    Report

    Rispondi

blog