Cerca

Nuovo arrembaggio dei pirati

Nave italiana sfugge all'attacco

Nuovo arrembaggio dei pirati
I pirati tentano di nuovo l'arrembaggio. E ancora una volta prendono di mira una nave italiana. Il mercantile Jolly Smeraldo, della Compagnia Messina di navigazione, è riuscito a sfuggire ad un attacco di pirati mentre si trovava 300 miglia a sud-est di Mogadiscio. I predatori dell'oceano hanno sparato colpi d'arma da fuoco contro la nave; fortunatamente non risultano feriti tra i 24 componenti dell'equipaggio.
Il fallito attacco dei pirati alla Jolly Smeraldo è avvenuto alle 14.52, ore italiane. La notizia è giunta al Comando generale delle capitanerie di Porto attraverso un sistema di allarme che viene attivato in caso di azioni ostili. La Guardia costiera ha quindi immediatamente attivato la procedura di intervento prevista in casi del genere e contattato l'ufficiale addetto alla sicurezza della nave, che ha spiegato come si sono svolte le cose. Secondo la sua ricostruzione, i pirati (cinque o sette, ancora non è chiaro), si sono avvicinati alla portacontainer - lunga 190 metri - a bordo di un barchino veloce, sparando alcune raffiche con delle armi automatiche. La nave ha quindi aumentato di velocità e fatto alcune manovre evasive, riuscendo così ad evitare l'arrembaggio: i pirati si sono quindi allontanati. Il comandante, Domenico Scotto Di Perta, è riuscito a sfuggire all'attacco compiendo una manovra diversiva simile a quella della nave da crociera MSC Melody, sfuggita ad un attacco la sera di sabato 25 aprile: ordinando "avanti tutta" alla sala macchine e facendo rollare lo scafo in modo da evitare l'arrembaggio con rampini.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • falconiere2

    30 Aprile 2009 - 12:12

    Sparare, sparare, sparare ai pirati con l'intenzione di mandarli a morte.

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    30 Aprile 2009 - 12:12

    Ma perchè non si può sparare addosso a questi banditi delinquenti per far loro capire che aria tira? Magari quando non ci saranno più navi da depredare questi arriveranno in Italia sui barconi e chiederanno asilo politico?

    Report

    Rispondi

  • roaldr

    29 Aprile 2009 - 19:07

    anni fa, mi avvicinai col gommone ad uno yacht di 60 metri, e ricordo che mi fece abbastanza impressione.Ora, questi pirati che, a bordo di un gommone, arrembano navi da 200 metri, o sono veramente CORAGGIOSI, oppure fumano troppo hashis.....

    Report

    Rispondi

blog