Cerca

Castro demente?

Fidel rimbecillito, lo dice Twitter: scrive solo di compagni morti

A Cuba sospettano che l'ex lider maximo soffra di Alzheimer. La prova? I suoi interventi sono solo sui comunisti del passato Honecker e Deng...

Il paladino dei rivoluzionari rossi sembra sempre più lontano dal presente. La malattia lo avrebbe piegato
Fidel Castro

 

Anche per i mostri sacri della sinistra radicale latino-americana, sia politica e che intellettuale, arriva il tempo in cui l’età dà al cervello. Jaime Garcia Marquez, il fratello di Gabriel, ha infine confermato quel che ormai si mormorava da tempo: il Nobel per la Letteratura non ci sta più con la testa, e per questo ha interrotto la sua autobiografia. Ma «conserva il buon umore» e comunque la demenza senile «è un problema di famiglia». Ma a questo punto il tam tam investe Fidel Castro, il vecchio amico di Gabo. Che invece continua a scrivere: ma proprio quel che sta scrivendo sta gettando i cubanologi nella perplessità più totale. Da sempre lettore insaziabile e oratore logorroico, da quando la malattia lo aveva obbligato a abbandonare comizi e politica attiva, Fidel aveva iniziato a sfogarsi in lunghi saggi tuttologici. Ma esattamente dal 10 giugno i lunghi saggi sono stati sostituiti da brevi scritti di non altre 65 parole l’uno, da molti paragonati agli haiku della poesia giapponese. 

Social network - Jaime Suchlicki, direttore dell’Istituto di Studi Cubani e Cubano Americani dell’Università di Miami, ha ipotizzato che forse l’anziano leader non si sente più in grado di scrivere saggi lunghi, e cerca così di far parlare ancora di sé con messaggi che costringono gli esegeti a scervellarcisi sopra. Emilio Ichikawa, un blogger di Miami nato a Cuba, ritiene piuttosto che si tratti di un’evoluzione logica: in effetti, fa notare, gli ultimi saggi di Fidel non erano che uno o due paragrafi di riflessioni originali, conditi di interminabili citazioni. Phil Peters, cubanologo dell’Istituto Lexington di Washington, pensa che si sia «allenando per Twitter». Ma a molti il dubbio di un’arteriosclerosi galoppante lo fanno venire i soggetti trattati. Ecco ad esempio una di queste riflessioni, che come le altre è stata pubblicata dai siti governativi. «Rispetto tutte le religioni anche se non le condivido. Gli esseri umani cercano una spiegazione alla loro esistenza, dai più ignoranti ai più sapienti. La scienza cerca costantemente spiegazioni delle leggi che reggono l’universo. In questo istante lo vedo nel momento dell’espansione, iniziato circa 13.700 milioni di anni fa». Ed eccone un altro: «gli yoga (sic: al plurale…) fanno cose con il corpo umano che scappano alla nostra immaginazione. Stanno lì, davanti ai nostri occhi, attraverso immagini che arrivano istantaneamente da enormi distanze, attraverso il Passaggio allo Sconosciuto». Un altro “haiku” è consistito in un elogio alla moringa, pianta commestibile originaria dell’India: «fonti inesauribili di carne, uovo e latte, fibre di Seta che sono capaci di somministrare lavoro all’ombra e ben remunerato, con indipendenza dall’età e dal sesso». 

Chi è l’ubriacone? - Poi c’è stato questo attacco: «Deng Xiaoping sembrava un uomo saggio e senza dubbio lo era. Ma commise un piccolo errore. “Bisogna castigare Cuba”, disse un giorno. Il nostro Paese non pronunciò mai il suo nome. Fu un’offesa assolutamente gratuita». Da ricordare che non solo il capitalismo comunista di Deng Xiaoping è ormai il modello delle riforme di Raul Castro: lo stesso Raul ha appena compiuto in Cina la sua prima visita all’Estero da quando è capo dello Stato, dal momento che la Cina è il secondo socio commerciale di Cuba e i cinesi stanno investendo a Cuba in modo massiccio. Un altro haiku è stato un elogio all’ex-leader tedesco orientale Eric Honecker, contrapposto a un personaggio non identificato che «ha venduto la sua anima al diavolo per poche gocce di vodka». Eltsin, Gorbaciov, o magari proprio il fratello, che è notoriamente a sua volta un noto estimatore del liquore tipico russo?

di Maurizio Stefanini

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • 654321

    10 Luglio 2012 - 10:10

    siccome molti compagnottelli come te, entrano nel blog da tutto sape e si permettono di dare dei fascistelli a tutti, e' logico ed evidente che nel vostro cerevellotto venga invece rinnegato il danno mondiale del comunismo ! Poi che a Cuba stiano bewne, forse per i turisti come te questo pensiero e' valido!!Sono alla fame, non esiste niente di privato, ogni attivita' e' dello stato, ma che perdo tempo a fare!!Compagno te invece, lavori in banca e hai difeso Monti e in un tuo postato hai rinnegato di essere compagno!! Questo dimostra che le tue idee sono chiarissime!! Conti i pochi quattrini del popolo che il tuo Monti ha lasciato ai cittadini, e posti che verrai a prendere gli altri!! Cazzo che bel compagnone che sei!! Ora che le banche non danno piu' prestiti e mutui, vantati, caro bancario compagno benestante dalle svariate mensilita'! Ti ci vorrebbe davvero Cuba!Purtroppo di compagni postanti come te il blog e' pieno!! Siete forti nel postare perche il compagno non vi legge!!!

    Report

    Rispondi

  • sparviero

    09 Luglio 2012 - 16:04

    Ti consiggio la lettura di questo libro, lo troverai interessante: Il libro nero de comunismo,crimini terrore repressione Editore Le Scie Mondadori. Non cercarlo nelle librerie Coop,non lo troveresti. La prossima volta ti consiglierò un buon libro su Fidel e Cuba. Gli errori della Chiesa al confronto ti sembreranno marachelle e anche su questo argomento ho diversi libri da consigliarti. Intanto,buona lettura.

    Report

    Rispondi

  • VFeltri

    09 Luglio 2012 - 16:04

    ancora con sto argomento dei milioni di morti del komunismo.... ma dimmi un po', tu che sai tutto. Il capitalismo, quello in cui credi, quante persone sta facendo morire al giorno d'oggi? dai su dacci qualche numero. e la chiesa? quanti morti ha fatto? tu non sai nulla di Fidel e nemmeno di Cuba, confermo.

    Report

    Rispondi

  • 654321

    09 Luglio 2012 - 11:11

    Meno male che c'e ancora il compagno 222! Che se ne intende di democrazia! Provetto,forse non considera quelli che sono morti e ingabbiati per cercarla,e nemmeno quello che sono costretti a subire dal psico tiranno ultimo dei modicani! Il 222 socialista vorrebbe questo? Bene allora vada a Cuba oppure in Corea, basta poco per essere felici! Il problema e! Che di quelli come lui in Italia ce ne sono abbastanza! Ma e! Anche vero che il socialista qui avrebbe vita dura! 222 metti una foto di Stalin sul comodino e sogna!Ma stai attento nel sonno i milioni di morti vittime del socialismo potrebbero venire a tirarti le lenzuola!,!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog