Cerca

Herat, Frattini: "Incidente"

Pm: aspetto versione dei Ros

Herat, Frattini: "Incidente"
La morte della 13enne uccisa dai soldati italiani ieri sera a Herat, in Afghanistan, è stato "un tragico incidente", ha assicurato il ministro degli Esteri Franco Frattini, che assicura: verrà aperta un'inchiesta per far luce sul fatto. L'incidente di ieri ha provocato durissime reazioni: "Frattini ha parlato di un tragico incidente, la verità è che vi sono tragiche e precise responsabilità", ha dichiarato Vittorio Agnoletto, eurodeputato Prc/Sinistra europea, capolista per le elezioni europee, sottolineando il rischio "che tutto venga archiviato senza individuare alcuna responsabilità com'è avvenuto nel caso dell'omicidio di Calipari". In linea con Agnoletto è il leader dell'Italia dei Valori Antonio Di Pietro, secondo il quale in Afghanistan "ci stiamo impantanando in un'operazione che è nata e deve essere di peacekeeping e sempre più invece si sta rivelando difficile da realizzare". Di fronte all'uccisione della 13enne esprime "un doppio sentimento: di angoscia per questa famiglia distrutta e di solidarietà per il dramma umano dei nostri soldati".
Per oggi è attesa alla procura di Roma un'informativa della sezione anticrimine dei carabinieri del Ros. Il pm Pietro Saviotti, titolare degli accertamenti, ha incaricato i militari, specializzati in attività investigative in teatri di guerra internazionali, di raccogliere le versioni del personale coinvolto nell'episodio, di identificare le parti lese, di avere accesso, nei limiti del possibile, al mezzo in cui si trovava la piccola, una Toyota Corolla, colpita da un proiettile. Il magistrato, che procede per il momento contro ignoti e senza ipotesi di reato, ha chiesto al Ros di attivare ogni forma di collaborazione con la polizia afghana. Secondo la ricostruzione. una pattuglia di militari italiani composta da tre mezzi che stava procedendo lungo la strada ha incrociato un'autovettura civile che procedeva in senso opposto a forte velocità. Sono state attuate tutte le procedure di avvertimento previste in questi casi, ma l'automobile non si è fermata. Sono stati sparati infine un colpo in aria, uno sull'asfalto e uno sul cofano della vettura. Solo successivamente si è venuto a sapere che una bambina che si trovava a bordo era morta, mentre erano rimaste illese la madre e un'altra persona.

Attentati - Intanto in Afghanistan gli attentati non accennano a calare: oggi in tutto sono morte 27 persone. Dodici civili sono rimasti uccisi nella provincia di Zabul, in un attentato dinamitardo, altre dodici persone sono morte quando un ordigno nascosto sul ciglio della strada è esploso al passaggio di un trattore che trainava un carretto carico di gente. Due delle vittime sono bambini. In un secondo, distinto episodio nella stessa provincia meridionale di Zabul i Taliban hanno attaccato un cantiere edile, uccidendo sei addetti alla sicurezza e due civili, ha detto la polizia. E sempre questa mattina un kamikaze di 14 anni si è fatto esplodere uccidendo il sindaco del capoluogo della provincia di Laghman e altre sei persone. Nell'attentato suicida sono rimaste ferite altre dieci persone. Il ragazzino-kamikaze ha preso di mira il convoglio di Mohammad Rahim Rahim, sindaco di Mehrterlam, capoluogo della provincia, uccidendolo.


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog