Cerca

Medio Oriente nel caos

Venti di guerra tra Siria e Turchia
Ankara risponde al bombardamento

Ankara reagisce e incassa la solidarietà della Nato

L'artiglieria siriana aveva causato cinque morti e 13 feriti ad Akcakale. Il fuoco dell’esercito di Ankara ha ucciso soldati siriani lealisti
Venti di guerra tra Siria e Turchia
Ankara risponde al bombardamento

Alta tensione tra Siria e Turchia. Ankara ha risposto al bombardamento dell’artiglieria siriana di ieri ad Akcakale, che aveva causato cinque morti (una donna e i suoi quattro figli) e 13 feriti, colpendo pesantemente obiettivi siriani al confine tra i due Paesi. Una riunione urgente della Nato si è svolta nella notte a Bruxelles su richiesta della Turchia in cui l’Alleanza atlantica ha chiesto lo stop immediato all’aggressione contro la Turchia. Il bombardamento "è una grave violazione delle leggi internazionali" e costituisce un motivo di grande preoccupazione per tutti gli alleati, che lo condannano con forza", si legge in un comunicato diffuso al termine della riunione. L’Alleanza "continua a sostenere la Turchia e chiede di mettere immediatamente fine a questi atti aggressivi contro un Paese alleato". Oggi si riuniranno i membri del Consiglio di sicurezza dell’Onu per discutere sugli incidenti e sulla situazione di estrema tensione tra i due Paesi. La Turchia ha intanto già chiesto che il Consiglio di sicurezza intervenga contro Damasco. "Si tratta di un atto di aggressione della Siria contro la Turchia - ha detto l’ambasciatore Onu Ertugrul Apakan in una lettera all’ambasciatore del Guatemala, presidente di turno, Gert Rosenthal - che costituisce una flagrante violazione della legge internazionale". 

Il Parlamento turco da parte sua ha dato  'luce verde' alla richiesta del governo di poter condurre operazioni militari oltre-confine "qualora sia ritenuto necessario". Uno stretto collaboratore del premier, Recep Tayyip Erdogan, ha precisato che il Paese "non ha alcun interesse a una guerra con la Siria"; ma una fonte del governo ha aggiunto che il bombardamento -ormai al secondo giorno- è solo "un avvertimento". Intanto l’attacco siriano è stato condannato da un coro di nazioni. Ban Ki-moon ha messo in luce il rischio di un dilagare dela guerra civile. La Russia ha invitato Damasco a riconoscere pubblicamente che si è trattato di un increscioso incidente. Usa, Gran Bretagna, Francia e Ue hanno condannato l’attacco siriano. Il capo della diplomazia italiana, Giulio Terzi, ha sottolineato il principio dell’indivisibilità della sicurezza tra i membri dell’Alleanza Atlantica, un principio -ha detto- a cui i membri della Nato tengono molto. "La richiesta di autorizzazione a operazioni militari all’esterno del territorio turco - ha aggiunto Terzi - è una valutazione che dà il Governo turco e credo che sia perfettamente legittimato a chiederla".

Almeno cinque soldati siriani sono rimasti uccisi e più di 15 feriti nella notte quando l'artiglieria turca ha colpito postazioni all’interno del territorio   siriano dopo un attacco a colpi di mortaio dalla Siria. Lo riferisce l'agenzia di stampa Dpa, che cita attivisti siriani e l’Osservatorio siriano per i diritti umani, ong con sede a Londra. “Nella notte di mercoledì i raid turchi hanno colpito la zona di Rassem al-Ghazaal, a Tal Abyad, dove le truppe siriane hanno le basi dell’artiglieria”, hanno fatto sapere dall’Osservatorio. A fornire il bilancio dei soldati fedeli al regime di Bashar al-Assad caduti nell’operazione è stato invece Rami al-Idlibi, attivista della  zona di Idlib, nella Siria nordoccidentale. 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Nello OPRANDI

    05 Ottobre 2012 - 01:01

    Io ho fatto parte delle forze armate;mi Auguro,e mi appello,a chi ha il VERO>POTERETERRA<,di non forzare la mano Sulle Armi(di qualsiasi tipo:Chimiche;Nucleari;Tradizionali etc..!Pensiamo al Futuro dei Nostri FIGLI.Un piccolo esame di Coscienza non farebbe male a Nessuno,anzi Medidate Gente .....Medidate....

    Report

    Rispondi

  • nero60

    04 Ottobre 2012 - 16:04

    ricordo al ministro senza palle terzi che ci sono deo maro' da portare a casa e di non perdere tempo impicciandosi negli affari degli altri

    Report

    Rispondi

  • Fosca1947

    04 Ottobre 2012 - 16:04

    Sembra incredibile che la Siria, schiacciata dai problemi interni, abbia deciso di attaccare la Turchia e con essa la Nato. Sarebbe un suicidio. E difatti non ci credo. E' più probabile che sia una grossa trappola orchestata dai ribelli e dagli islamici estremisti e qaedisti, per togliere di mezzo il dittatore siriano(poco religioso)e proclamare una nuova repubblica (veramente) islamica. Tutto ciò si ripercuoterà sicuramente sull'occidente negli anni a venire.

    Report

    Rispondi

  • Fosca1947

    04 Ottobre 2012 - 16:04

    Sembra incredibile che la Siria, schiacciata dai problemi interni, abbia deciso di attaccare la Turchia e con essa la Nato. Sarebbe un suicidio. E difatti non ci credo. E' più probabile che sia una grossa trappola orchestata dai ribelli e dagli islamici estremisti e qaedisti, per togliere di mezzo il dittatore siriano(poco religioso)e proclamare una nuova repubblica (veramente) islamica. Tutto ciò si ripercuoterà sicuramente sull'occidente negli anni a venire.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog