Cerca

lettere al direttore

News da Radio 105

ascolta ora

Radio 105

Austherity folle

L'Ue deporterà abitanti delle isole. Grecia, è giallo sulle parole del ministro

La Troika avrebbe chiesto al governo ellenico di svuotare le isole con meno di 150 abitanti per razionalizzare i costi

L'Ue deporterà abitanti delle isole. Grecia, è giallo sulle parole del ministro
Ma lo stesso ministro che ha dato la notizia alla stampa ora smentisce

Deportare i cittadini residenti nelle isole greche con meno di 150 residenti per razionalizzare i costi. Costringere liberi cittadini ad abbandonare casa per risparmiare sulla fornitura di servizi pubblici, su collegamenti marittimi ritenuti superflui, su caserme e uffici postali. E' il diktat dei rappresentanti della Troika (Banca Centrale Europea, Fondo Monetario Internazionale, Comunità Europea) al ministro greco per l'Egeo e le Politiche Insulari, Kostis Mousouroulis, durante l'ultimo incontro per il nuovo prestito dalla comunità internazionale alla Grecia. Le isole interessate sarebbero più di venti. A rendere pubblica la notizia è stato lo stesso ministro, che ne ha parlato alla stampa ellenica l'11 ottobre prima di un incontro con gli armatori.

La smentita - La reazione dell'opinione pubblica greca è stata feroce: "Richiesta folle, Troika fuori controllo, - si legge su siti e blog - è una deportazione". La notizia è parsa verosimile perché da poco il governo ha diramato una lista di isole disabitate che ha intenzione di vendere a privati. A gettare acqua sul fuoco è stato lo stesso esecutivo guidato dal premier Antonis Samaras. A smentire per primo le circostanze è stato il ministro delle Finanze: "E' un roumor che non ha niente a che fare con la realtà". A lui ha fatto seguito il titolare del dicastero per le Politiche Marittime, che ha parlato di un equivoco con la stampa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blackindustry

    12 October 2012 - 13:01

    Così come 20 anni fa, negli anni '90 era assurdo pensare un'Italia piena di immigrati, oggi è normale, in nome dell'"integrazione" (che mai c'è e mai ci sarà...vedi Olanda, scandinavia, Usa...) che crea solo ghetti etnico-razziali. Oggi si inizia a vedere queste assurdità in Grecia. Tra poco toccherà alla Spagna e all'Italia. Ma noi italiani saremo in fila per l'iPhone 6, poi 7, poi 8...

    Rispondi

  • emigratoinfelix

    12 October 2012 - 11:11

    ...sarebbe esattamente quello che fece a suo tempo il feroce dittatore africano comunista Menghistu,con la sua criminale politica di settlement,ovvero deportazione maassiva di popolazioni.ma se fosse vero non mi stupirei,ed in virtu' del famigerato trattato di lisbona,potrebbero intervenire anche le truppe di altri paesi Ue per il lavoro sporco.che schifo.

    Rispondi

blog