Cerca

Volatona presidenziale

Michelle imbarazza Obama: "Slip o boxer? Meglio nudo". Ma rischia di restare in mutande

La first lady scatenata in tv, ma nel frattempo il marito continua a perdere nei sondaggi: Romney sarebbe in vantaggio di 6 punti

Alla vigilia dell'ultimo faccia a faccia col rivale brutte notizie per il democratico dall'Ohio: a settembre era davanti di 10 punti, ora solo di 5. E' in questi stati in bilico che si deciderà la corsa alla Casa Bianca
Michelle imbarazza Obama: "Slip o boxer? Meglio nudo". Ma rischia di restare in mutande

 

Barack Obama perde pure le mutande. E' la first lady Michelle ad infiammare la volatona per le presidenziali con una improvvida e un po' azzardata uscita mediatica: ospite di una tramissione della rete Abc, la vulcanica moglie del presidente ha risposto a una domanda un po' impertinente, "Prefersice il presidente con i boxer o gli slip?", con un candido "Senza nessuno dei due". Ovazione del pubblico, ma l'effetto imbarazzo è assicurato. Anche perché in mutande Obama rischia di finirci davvero. Alla vigilia dell'ultimo faccia a faccia televisivo con il rivale repubblicano Mitt Romney, il democratico pare in caduta libera nei sondaggi. Altro che 47% pari, gli ultimissimi numeri li dà Gallup: a 14 giorni dal voto tra i due sfidanti il distacco è di 6 punti, a favore però di Romney. Il repubblicano sarebbe al 51% delle intenzioni di voto tra gli "elettori probabili" (decisivi perché non hanno ancora deciso chi votare e su cui entrambi i candidati si giocano l’elezione), contro il 45% del presidente. A conferma del momento delicato, Obama sarebbe a rischio sorpasso anche in Ohio, considerato uno Stato decisivo perché ancora "in bilico". In uno degli stati simbolo del MidWest, il grosso vantaggio di Obama, che fino a settembre era di 10 punti, si è dimezzato. Secondo l’ultimo sondaggio Quinnipiac University/Cbs, il presidente è dato al 50% delle intenzioni di voto contro il 45% di Mitt Romney tra i "probabili elettori". Mai nessuno candidato repubblicano è stato eletto senza conquistare l’Ohio: nel 2008 l’allora senatore dell'Illinois e futuro presidente sconfisse John McCain con oltre 260.000 voti di scarto.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • carlag

    23 Ottobre 2012 - 20:08

    Dopo aver conosciuto bene i cittadini Americani, non mi stupisco piu' di niente. Sono solo degli incivili e degli ignoranti. Come fa una First Lady a dire una cretinata del genere?

    Report

    Rispondi

blog