Cerca

Albergatrice austriaca

rifiuta famiglia ebrea

Albergatrice austriaca
 Grave episodio antisemita in Austria. A Serfaus, località del Tirolo a circa trenta chilometri dal confine con l'Italia, la signora Irmgard Monz, proprietaria del residence "Haus Sonnenhof", avrebbe rifiutato la prenotazione di una famiglia ebrea di sette persone in arrivo da Vienna sostenendo di aver avuto «cattive esperienze» in passato con clienti ebrei. La notizia è apparsa sul quotidiano locale Tiroler Tageszeitung e ha scatenato roventi polemiche in tutta la zona, dove gli altri albergatori si sono schierati contro la collega puntualizzando che si tratta di un'eccezione che getta però una pessima luce tutto il comparto alberghiero. Sempre in Austria, nei giorni scorsi, un gruppo di neonazisti incappucciati ha fatto irruzione la grido di "Heil Hitler" a una cerimonia commemorativa della liberazione del lager di Mauthausen.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • moicano

    11 Maggio 2009 - 11:11

    Vuoi vedere che se la famiglia fosse stata islamica e, in passato, gli islamici gli avessero devastato l'appartamento, la direzione non avrebbe fatto una grinza, anzi avrebbe fornito pure i tappetini per la preghiera? Beh, certo un conto è prendersela con un ebreo (o con un cristiano), un conto è rischiare di ritrovarsi una bomba nel residence o peggio. Purtroppo, sempre più, il rispetto per una religione passa attraverso il pericolo di ritrovarsi con la gola tagliata.

    Report

    Rispondi

blog