Cerca

Caso indiano

Pisa, fischi al ministro Di Paola: "Libera i marò"

Ospite d'onore alla commemorazione della battaglia di El Alamein, il titolare del dicastero della Difesa è stato contestato da un pubblico composto da ex militari

Fischi per il ministro della Difesa Giampaolo di Paola. All'arena Garibaldi di Pisa per la commemorazione della battaglia di El Alamein, l'ex capo di stato maggiore è stato contestato per la debolezza del governo sul caso marò. Mentre Di Paola era impegnato nel giro d'onore davanti alle forze armate, il pubblico sugli spalti, composto prevalentemente da militari in congedo, intonava  cori a favore di Massimiliano La Torre e Salvatore Girone, i due fucilieri del reggimento San Marco da nove mesi in arresto in India. Un uomo che voleva portare in campo una bandiera italiana con fiocco giallo ins egno di solidarietà è stato allontanato dall'impianto.

Acqua sul fuoco - "Non è il momento delle polemiche, ma della solidarietà". Di Paola ha smorzato i toni, ma lavandonese le mani e rilanciando alle autorità indiane. "Ho fiducia che la Corte Suprema indiana - ha detto - saprà  riconoscere il diritto internazionale e la giustezza della richiesta   italiana di giudicare i due marò in Italia".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • plaunad

    01 Novembre 2012 - 12:12

    E questo sarebbe il riacquistato "rispetto internazionale" sbandierato da Monti e dai suoi ingenui sostenitori? Ora perfino l'India ci snobba.

    Report

    Rispondi

  • sandrosandrosan

    30 Ottobre 2012 - 14:02

    Sono io l’uomo che alcuni quotidiani hanno descritto come il manovratore dei fischi a Pisa, contro sua Eccellenza Ammiraglio Di Paola. Io, non ho mai capeggiato gruppi. E MAI mancato di rispetto all’Ammiraglio Di Paola. In modo silenzioso, e da ex militare, ho chiesto l’esposizione del tricolore con il fiocco giallo. Vietata dal protocollo Difesa. Consapevole del divieto di esporre simboli non approvati da Ministero della Difesa. Con la bandiera in mano, ho camminato sotto le tribune, a pochi metri dal leggio, mentre L’Ammiraglio iniziava il suo discorso. La tribuna, piena di centinaia di donne e uomini in divisa ha iniziato a fischiare. Tutto lo stadio fischiava. Ho urlato sei volte RISPETTO, con le spalle al campo di calcio, rivolto alla tribuna. Il discorso era iniziato con il riferimento ai caduti, e al caduto di poche ore prima. Il mio urlo, era solo e un chiaro RISPETTO. Diviso e indirizzato ai caduti. Diviso e indirizzato ai due militari del San Marco, in fermo di polizi

    Report

    Rispondi

  • 19gig50

    28 Ottobre 2012 - 22:10

    Pisa, culla del paracadutismo militare, contesta il ministro di questo governo di incapaci, buoni solo ad aver affossato le famiglie e pavidi nel reclamare, con autorevolezza, il ritorno a casa dei due Marò ad un paese di luridi puzzolenti.

    Report

    Rispondi

  • violacea

    28 Ottobre 2012 - 20:08

    condivido!!! governo di uomini senza palle!!! tutti professorirecchioni!!!! termine palle x loro?? oggetto di forma rotonda o ovale con cui si gioca !!!!una cosa solo sanno fare rubare: ai poveri cittadini!!! certo x rubare a quelli ricchi ci vogliono le palle!! palle??? oggetto di forma rotonda o ovale con cui si gioca!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog