Cerca

Alta tensione

Israele fa fuori comandante di Hamas
I palestinesi: "sarà un inferno"

Ahmed Al-Jaabari era uno dei leader dei miliziani della striscia di Gaza. Gli israeliani lo hanno ucciso con un'operazione chirurgica. La rappresaglia palestinese è già cominciata

Una nuova guerra in medio oriente. I palestinesi chiedono aiuto agli egiziani. E Israele richiama i riservisti
Israele fa fuori comandante di Hamas
I palestinesi: "sarà un inferno"

Su Israele e Palestina torna a soffiare il vento di guerra. L'esercito israeliano, l'Idf, ha eliminato una pedina pericolosa per la sicurezza dello stato ebraico. Con un missile telecomandato ha ucciso il comandante militare di Hamas Ahmed Al-Jaabari. Un'operazione chirurgica. Un missile scagliato sull'automobile del miliziano palestinese. L'attacco sa tanto di una overture dei giochi bellici nella regione. Dopo l'uccisione del comandante Israele ha continuato a fare incursioni militari sul tutto il territorio di Gaza. I morti sarebbero otto. Lo stato ebraico sembra voler scatenare un'altra guerra, l'ennesima dietro le porte di casa propria. I palestinesi sono già in allarme e chiedono l'aiuto del vicino Egitto. "L'esercito è pronto a estendere l'operazione, se necessario. Oggi abbiamo rivolto un messaggio chiaro a Hamas e alle altre organizzazioni terroristiche, e se sarà necessario siamo pronti a estendere l'operazione", ha spiegato il premier israeliano Benyamin Netanyahu. Il messaggio per i palestinesi è chiarissimo. E nel pomeriggio Hamas ha risposto con un lancio di razzi su Be'er Sheva e sul deserto del Negev. Il palcoscenico è sempre lo stesso. Da un lato la forza e il diritto alla sicurezza dello stato israeliano, dall'altra i palestinesi di Hamas che rivendicano l'indipendenza della Palestina. Un segnale ancora più inquietante è il richiamo dei riservisti per lo stato di Israele. Il ministero della Difesa li ha allertati. Si prepara quindi una striscia di tensione. "Invochiamo tutti i fratelli arabi e specialmente l'Egitto e il suo nuovo presidente, a fermare questa barbara campagna in difesa di Gaza e del suo popolo. Invochiamo inoltre un urgente incontro tra gli arabi per controbattere la brutale aggressione", ha dichiarato il leader di Hamas Ismail Haniyeh. E Il Cairo ha subito richimato il suo ambasciatore da Telaviv. Per Hamas l'attacco ad Al Jaabari ha "aperto le porte dell'inferno". Idf e forze speciali israeliani sono pronte per un'altro autunno teso lungo la Striscia di Gaza. Un autunno che dura da quel 1947, anno in cui venne riconosciuto dalle Nazioni Unite lo stato di Israele. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mariomassioli

    15 Novembre 2012 - 14:02

    La madonna a fatima nel 1917,ha affermato SATANA è SCIOLTO DALLE CATENE PER 100 ANNI.

    Report

    Rispondi

blog