Cerca

I furbetti

Brasile, "manuale d'estradizione"
ma (ri)salvano Cesare Battisti

Un documento di 770 pagine del governo brasiliano detta le regole per le estradizioni. Ma le nuove norme non sono, guarda caso, retroattive

Il terrorista dei Pac condannato all'ergastolo nonostante le nuove norme brasiliane potrà restare al sole del sudamerica
Cesare Battisti
Mai più un caso Battisti. Ma intanto Cesare Battisti resta in Brasile. Il governo di Brasilia fa finta di riparare ad un errore del passato. Lasciando però tutto com'è. Il governo brasiliano ha pubblicato un ''Manuale di estradizione'' per sgombrare il campo da ogni futuro equivoco sull'argomento. In 770 pagine il ministero della giustizia dà alla segreteria nazionale di giustizia il ruolo di autorità centrale sulle decisioni di estradizione, espulsione e deportazioni di stranieri. Insomma un vadenecum per sapersi muovere fra leggi, trattai internazionali e beghe legali su gli "ospiti" fla le mura di casa propria. Battisti in Brasile è stato in pratica protetto come un rifugiato politico evitando così di scontare la sua pena in Italia. Polemiche, richieste di setradizione tutte inascoltate dal governo brsiliano. Ma ora sembra che la cosa si possa sistemare. E invece, guarda caso, le nuove misure non hanno però valore retroattivo. E quindi Battisti resterà in Brasile senza problemi continuando a lavorare e a scrivere i suoi romanzi. Il terrorista dei Pac, condannato all'ergastolo per 14 omicidi, resterà al sole del sudamerica evitando di pagare ciò che deve. Intanto però il Brasile si dota di una guida pronta all'uso per un Battisti 2. E l'Italia resta a guardare.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • clintock

    23 Novembre 2012 - 14:02

    Non capisco il problema, si chiede agli pubblicamente Italiani un'offerta per pagare un sicario. Lo si manda in Brasile e punto, il caso Battisti è risolto. Certo il Brasile non ci sta facendo una bella figura, (soprattutto se pensate che nei loro aereoporti internazionali ci sono avvisi che ricordano che non è un paese dove si possono nascondere i criminali) ma anche noi, lasciando che un criminale in qualche modo non paghi (rispettando le leggi SE POSSIBILE oppure no) ci facciamo la figura dei cioccolatai

    Report

    Rispondi

  • Lele88

    19 Novembre 2012 - 13:01

    ...basterebbe che i familiari delle sue vittime pagassero un sicario e lo mettessero sul primo aereo per Rio!!! Così finirebbe di prendersi gioco dell'Italia e delle istituzioni e sparirebbe dalle cronache dei giornali...

    Report

    Rispondi

  • Uchianghier

    Uchianghier

    18 Novembre 2012 - 16:04

    Tra delinquenti assassini e bastardi ci si intende.

    Report

    Rispondi

  • 19gig50

    18 Novembre 2012 - 13:01

    Altri paesi avrebbero già risolto il problema.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog