Cerca

Alle urne per l'indipendenza

La Catalogna ci prova sul serio:
al voto per scappare dall'Europa

Arur Mas, il favorito, promette: "Vinco e faccio referendum per l'autonomia". Se dovesse passare, l'effetto domino potrebbe estendersi in tutto il continente

In molti pensano che queste siano le elezioni più importanti per la Catalogna da 37 anni a questa parte, da quando cioè la Spagna, morto Franco e superata la transizione, è diventata una democrazia
La Catalogna ci prova sul serio:
al voto per scappare dall'Europa

di Carlo Nicolato

C’è chi sostiene che quelle di domani siano le elezioni più importanti per la Catalogna da 37 anni a questa parte, da quando cioè la Spagna, morto Franco e superata la transizione, è diventata una democrazia. E c’è chi aggiunge che lo scossone che ne deriverà non avrà conseguenze solo per la Spagna, ma anche per l’Europa intera. Certo la posta in gioco è alta, e non si tratta un semplice governo amministrativo, ma dell’indipendenza della regione la cui capitale, Barcellona, da diversi anni considerata locomotiva economica spagnola e una delle città più effervescenti d’Europa, sta pagando il prezzo più alto della crisi economica iberica, con un debito di oltre 44 miliardi di euro, pari al 22% del Pil, e una disoccupazione al 22,5%, di poco inferiore a quella nazionale che attualmente sfiora il 25%. Una crisi ancora più insopportabile per i catalani le cui tasse contribuiscono solo per il 10%  all’amministrazione della Generalitat mentre il resto finisce nella casse di Madrid per essere poi redistribuito alle altre regioni. A questo si aggiunga che la Catalogna è ormai in recessione da maggio e per la fine dell’anno avrà perso almeno l’1,5 per cento della propria ricchezza.

Voglia di indipendenza - L’indipendenza non è una strada facile e la Costituzione spagnola nemmeno lo permette, tantomeno prevede un referendum sul tema. Ma Artur Mas, l’attuale capo del governo e leader del gruppo di centro-destra «Convergencia i Uniò» fino a pochi mesi fa alleato dei Popolari e conciliante verso Madrid, ha promesso che se verrà rieletto indirà lo stesso la consultazione e chiederà ai catalani con una domanda semplice e diretta se vorranno l’indipendenza o meno. Lo strappo di Mas e del suo partito aleggiava sull’alleanza da tempo ma si è fatto concreto sull’onda delle proteste popolari, specie dopo la grande manifestazione dell’11 settembre scorso quando un milione e mezzo di persone scesero in piazza a Barcellona per chiedere l’indipendenza. E ora è lui, Artur Mas, il favorito alle elezioni, lui che rischia di prendere da solo la maggioranza dei seggi, ma che insieme agli altri gruppi indipendentisti, quelli storici di sinistra dell’«Esquerra Republicana de Catalunya» e quelli di «Iniciativa per Catalunya Verds», la supererà abbondantemente. Ed è sempre lui, uomo di centro-destra, che potrebbe guidare Barcellona all’indipendenza, tema, fino al suo arrivo, prerogativa dei socialisti che ora si ritrovano superati sia da destra che da sinistra: favorevoli al referendum come espressione di libera scelta, ma contrari allo strappo da Madrid. 

La risposta di Rajoy - Del tutto contrari invece sono i Popolari del premier Mariano Rajoy. Contrario è José Maria Aznar, primo ministro dal 1996 al 2004, il quale in un’intervista televisiva ha dichiarato che «mai esisterà una Catalogna unita fuori dalla Spagna». Contrario è il ministro dell’Educazione José Ignacio Wert, che ha addirittura parlato della necessità di «spagnolizzare i catalani». Ma dichiaratamente contraria è anche una parte dell’esercito che è arrivata a chiedere la legge marziale in caso di vittoria degli indipendentisti. E gli industriali della Confindustria spagnola, che hanno stretto un’improbabile alleanza con i sindacati e insieme minacciano di spostare fuori dalla Catalogna le loro imprese. C’è poi anche un appello di illustri economisti e ancora più illustri intellettuali, dallo scrittore Mario Vargas Llosa al regista Pedro Almodovar, che dicono no a qualsiasi idea di indipendenza. E per ultimo la  Commissione europea che  ha precisato che qualunque territorio si dichiari indipendente sarà automaticamente escluso dall’Unione e i suoi cittadini perderanno i diritti europei. C’è tutta la Spagna e l’Europa contro l’indipendenza catalana, ed è anche per questo che loro, i catalani, la vogliono ancora di più.

 

Barcellona

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • routier

    26 Novembre 2012 - 10:10

    Sono in perfetto accordo con il Suo commento. I catalani: ecco un popolo con gli zebedei!AD MAIORA!

    Report

    Rispondi

  • eovero

    25 Novembre 2012 - 12:12

    dopo la Catalogna tocca al Veneto.... forza

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    24 Novembre 2012 - 18:06

    Arriba catalunya !!

    Report

    Rispondi

  • il leghista monzese

    24 Novembre 2012 - 18:06

    Ero in Catalonia nel 1977 per lavoro e ci sono stato parecchi mesi. Tutti i giorni assieme ad un ragazzo Catalano (di settimana in settimana differente al quale insegnavo il lavoro) visitavo dalle 6 alle 10 abitazioni di Catalani ai quali riparavo gli elettrodomestici. Visitando case di ricchi, così come quelle di "poveri" (NB I ricchi erano quelli che avevano la lavastoviglie, mentre i poveri avevano la sola lavatrice) Orbene Vi lascio immaginare con quante persone di sesso e levatura differente possa aver interloquito e la maggior parte di questa gente aveva una sola cosa in comune Quale'' Quella di andar fiero di essere Catalano!!! Li ho imparato (la Lega ancora NON esisteva) a sentirmi fiero di essere Lombardo, attenzione NON facciamo la solita confusione, i Catalani fieri di esserlo molte volte erano originari di altre regioni ma per il semplice motivo di vivere, studiare e lavorare in Catalonia si sentivano Catalani. Quando la stessa sensazione l'avranno i LOMBARDI??? Saludos

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog