Cerca

La riesumazione

Autopsia sulla salma di Arafat
Si cercano tracce di polonio

Dopo otto anni si vuole sapere la verità sulla sua morte

Autopsia sulla salma di Arafat 
Si cercano tracce di polonio

A oltre otto anni dalla sua misteriosa e rapidissima morte nell’ospedale militare di Percy, alla periferia di Parigi, la salma di Yasser Arafat è stata riportata alla luce: alle 8,05 del mattino ora locale, le 7,05 italiane, dopo poco più di tre ore di lavori l’esumazione è stata completata sotto la supervisione di esperti svizzeri, francesi, russi e palestinesi nel mausoleo in pietra calcarea di Ramallah intitolato al fondatore dell’Olp e primo presidente dell’Autorità Nazionale Palestinese: lo hanno riferito in via riservata fonti governative palestinesi, mentre ufficialmente si continua a mantenere il massimo riserbo.

Presente comunque alle operazioni, schermate agli occhi del pubblico da grandi teloni scuri, il muftì di Gerusalemme, Mohammed Hussein, giunto appositamente alla Muqatah, il complesso dove risiede il successore di Arafat alla guida dell’Anp, Mahmoud Abbas alias Abu Mazen, e sulla sommità del quale è stata issata per l'occasione un’enorme bandiera palestinese. In corso adesso il prelievo di campioni organici, da sottoporre a complesse analisi di laboratorio per accertare se, come molti sospettano, nel novembre 2004 Arafat sia stato assassinato contaminandolo con polonio-210, un pericoloso isotopo radioattivo. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gianko

    29 Novembre 2012 - 14:02

    concordo in toto..era pure repellente, bavoso, ecc..

    Report

    Rispondi

  • mab

    27 Novembre 2012 - 16:04

    Per decenni ha ricevuto enormi quantità di denaro dall'europa ma, anzichè distribuirli al popolo questo verme si era costruito un'enorme fortuna che è venuta alla luce dopo la sua morte. E gli stupidi beduini continuavano ad adularlo!!!

    Report

    Rispondi

blog