Cerca

Scelta importante

Onu, ok allo Stato palestinese
L'Italia dice sì, no da Usa e Israele

Il voto ha riconosciuto la Palestina come stato osservatore non membro delle Nazioni Unite. Una decisione storica. Una svolta che può dare una marcia in più al processo di pace

Cina e Russia votano a favore della Palestina. Ma il no di Stati Uniti e Israele pesa come un macigno
Onu, ok allo Stato palestinese
L'Italia dice sì, no da Usa e Israele

L'Onu riconoscerà la Palestina come Stato osservatore non membro. Una decisione storica che scrive una pagina importante nella lunga strada insanguinata che arriva in Medio Oriente. Un voto importante perchè la Palestina per la prima volta viene riconosciuta come uno stato dalla comunità internazionale. La votazione, tenutasi, al palazzo di Vetro a New York, sede dell'Onu. L'Italia dopo una lunga riflessione ha votato "sì". "Tale decisione è parte integrante dell'impegno del governo italiano volto a rilanciare il processo di pace con l'obiettivo di due Stati, quello israeliano e quello palestinese, che possano vivere fianco a fianco, in pace, sicurezza e mutuo riconoscimento -prosegue la nota-. A questo fine, il governo si è adoperato in favore della ripresa del dialogo e del negoziato, moltiplicando le occasioni di incontro con le parti coinvolte nel conflitto Medio-Orientale, in particolare da parte del presidente del Consiglio, ricevendo conferma della loro volontà di riavviare il negoziato di pace e giungere all'obiettivo dei due Stati", spiega una nota di Palazzo Chigi. Il voto affermativo dell'Italia non lede comunque i rapporti fra Italia e Israele. 

Non compromesso rapporto con Israele -  Il presidente del Consiglio, Mario Monti ha telefonato al premier Netanyahu, ribadendo che "questa decisione non implica nessun allontanamento dalla forte e tradizionale amicizia nei confronti di Israele e ha garantito il fermo impegno italiano ad evitare qualsiasi strumentalizzazione che possa portare indebitamente Israele, che ha diritto a garantire la propria sicurezza, di fronte alla Corte Penale Internazionale".A non essere d'accordo con la decisione dell'Onu sono proprio Israele e gli Stati Uniti. E Benjamin Netanyahu, premier isareliano, ha prescisato che "questo voto non cambia nulla sul terreno e che la decisone di Ney York invece allontana la possibilità che la Palestina diventi uno stato vero e proprio". Ma intanto da Israele nonostante la telefonanta di Monti non sembrano avere apprezzato la scelta italiana. "Siamo molto delusi dall'Italia", ha dichiarato l'ambasciatore israeliano a Roma.

 

Il certificato di nascita - Il voto è stato preceduto da un lungo e applauditissimo discorso del presidente palestinese Abu Mazen che ha chiesto il "certificato di nascita" dello Stato palestinese. Il voto dell’Assemblea, ha detto Abu Mazen, è una occasione "storica" per la comunità internazionale, "l'ultima per poter salvare la soluzione a due Stati". "Vogliamo raggiungere la pace e portare nuova vita al negoziato" con Israele, ha spiegato il presidente, ammonendo che "è arrivato il momento di dire basta all’occupazione e ai coloni". Durissimo all’Assemblea l'intervento di Israele. L’ambasciatore Ron Prosor ha definito la richiesta della Palestina "un passo indietro per la pace". "Con questa risoluzione - ha detto - l’Onu chiude gli occhi sugli accordi di pace e non conferirà alcuna dignità di Stato". Poco dopo frasi 'tranchant' sono arrivate anche da premier Benjamin Netanyahu: "Il discorso di Abu Mazen - ha detto - è stato "ostile e velenoso" e "pieno di falsa   propaganda". Irritazione anche da parte degli Usa, tra i nove paesi che hanno votato contro insieme a Israele, la risoluzione, ha detto l’ambasciatore Susan Rice "è sfortunata e controproducente" e non fa altro che costituire "un nuovo ostacolo sul cammino verso la pace". Parole ribadite anche dal segretario di Stato Hillary Clinton da Washington. "Abbiamo ben chiaro -ha detto la Clinton - che solo attraverso negoziati diretti tra le parti israeliani e palestinesi potranno arrivare alla pace". Intanto a Ramallah la gente è uscita in piazza per festeggiare, sparando in aria e iniziando a ballare.   

Ue spaccata - La mozione è comunque passata con 138 voti a favore, 9 contro e 41 astensioni. I 'no' alla risoluzione erano comunque tutti previsti. Oltre Usa e Israele si sono detti contrari Panama, Palau, Canada, Isole Marshall, Narau, Repubblica ceca e Micronesia. L’Unione europea si era presentata al voto divisa. All’astensione di Germania, Gran Bretagna, Olanda, hanno fatto da contraltare il voto favorevole di 15 Paesi tra cui Austria, Belgio, Cipro, Danimarca, Finlandia, Francia, Spagna, Grecia e Irlanda a cui, ha sorpresa, si è aggiunta l’Italia. Tra le grandi potenze, luce verde per i palestinesi anche da Cina e Russia. Uno degli effetti più attesi della risoluzione è che consentirà ai palestinesi di chiedere al Tribunale Penale Internazionale di indagare su eventuali crimini commessi dalla   leadership israeliana durante il pluridecennale conflitto israelo-palestinese. La Capitale della Palestina sarà Gerusalemme Est.

Esulta Hamas - Anche Hamas ha esultato per l'approvazione, da parte dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, della risoluzione che ha ammesso la Palestina all’Onu come Stato osservatore, sebbene non membro a tutti gli effetti, con un conseguente riconoscimento implicito di fatto. "Questa", ha commentato un portavoce del gruppo radicale, Ahmed Youssef, "è una nuova vittoria sulla via della liberazione della Palestina e del ritorno dei profughi. Ci felicitiamo con noi stessi". Soltanto pochi giorni fa lo sceicco Khaled Meshaal, capo dell’ufficio politico di Hamas, aveva assicurato l’appoggio del movimento alla richiesta dell’Autorità Nazionale Palestinese di ammissione al Palazzo di Vetro con il nuovo status. Malgrado la tradizionale, accanita rivalità con i nazionalisti di al-Fatah, Meshaal aveva contattato Mahmoud Abbas alias Abu Mazen, il moderato presidente della stessa Anp nonchè leader di Fatah, per comunicargli il mutato atteggiamento di Hamas. Ancora la settimana scorsa, mentre era in pieno corso l’offensiva d’Israele contro la Striscia di Gaza, i vertici del gruppo islamista avevano invece rifiutato qualsiasi sostegno all’iniziativa. Il successo di quest’ultima segna dunque un punto a favore di Abu Mazen anche sul fronte interno, dove la resistenza opposta di recente da Hamas alla preponderanza militare dello Stato ebraico ha guadagnato al Movimento di Resistenza Islamica ulteriore sostegno tra la popolazione: sostegno ulteriore che adesso in qualche modo dovrebbe risultare compensato.

 

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pinux3

    01 Dicembre 2012 - 13:01

    "Legame storico" degli ebrei con la terra di Israele? Storia di 2-3000 anni fa...Ti ricordo che Israele è stato costituito attraverso la CACCIATA dei palestinesi dalle loro terre dove vivevano da SECOLI, attraverso la violenza e l'inganno, questa è Storia...

    Report

    Rispondi

  • pinux3

    01 Dicembre 2012 - 13:01

    Ti informo che ha votato a favore pure la SPAGNA, dove c'è un governo di destra. "Comunista" anche Rajoi? O non piuttosto jack1 decerebrato...

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    30 Novembre 2012 - 22:10

    Mi spiace di essere la mosca bianca contro tutti gli altri postanti, soprattutto gli amici di cdx, ma io ho le mie convinzioni che mi sono formato seguendo i fatti ed a cui non rinuncio. Stante ciò che ho già detto, per me le parti in causa sono ciecamente ed irresponsabilmente guidate dal fanatismo religioso che ne avvelena i rapporti, e pensare che sono entrambe discendenti da Abramo, capostipite comune di Ebrei ed Arabi. Ora si scannano a vicenda nel nome del loro Dio, del resto i cristiani non sono stati da meno, quante guerre e massacri hanno compiuto nel nome di Dio? Perfino i soldati nazisti di Hitler avevano la scritta sul cinturone "GOTT MIS UNS" Dio è con noi ! Come se il Dio degli uni o degli altri parteggiasse per l'uno o l'altro.

    Report

    Rispondi

  • OIGRESINOR

    30 Novembre 2012 - 20:08

    Il vergognoso voto delle Nazioni Unite che ammette la 'PALESTINA' - e' il proseguire della campagna per la negazione del popolo ebraico al legame storico con la terra di Israele e tale vergognosa campagna non accenna a diminuire, anzi. Il voto alle Nazioni Unite non ha nulla a che fare con la realtà e con la pace. La pace in Medio Oriente arriverà solo quando i palestinesi si decideranno a sedersi con gli israeliani a negoziare veramente. Non c'è altro modo per raggiungere la pace in Medio Oriente. Cosi invece continuano nella loro unilaterale antisemitica e violenta campagna di odio.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog