Cerca

La proposta choc

Sito web alle studentesse:
"Fate le escort, noi vi paghiamo la retta"

Succede in Inghilterra e più di 1400 ragazze tra i 17 e i 24 anni hanno scelto questa strada per finanziare i loro studi

Quella che potrebbe sembrare un'attività illegale è invece legale e i gestori del portale si difendono: "Quello che succede in una camera d'albergo tra due adulti consenzienti non è affar nostro".
Sito web alle studentesse:
"Fate le escort, noi vi paghiamo la retta"

 

Dal web, l'insolito invito di un sito internet inglese che propone alle studentesse di accompagnarsi a diversi uomini in cambio di una cifra che va dalle 5 alle 15mila sterline l'anno. Tutto questo ovviamente per una "buona" causa: mantenersi gli studi. Quello che potrebbe sembrare una cosa del tutto illegale è invece legale e le ragazze non sono tenute ad avere rapporti sessuali con gli sconosciuti, quello che importa ai gestori del sito è raggiungere un livello "alto" di intimità. Il sito, che si chiama sponsorAScholar.co.uk, è ora in manutenzione e i suoi gestori difendono la loro attività affermando: "Quello che succede in una camera d'albergo tra due adulti consenzienti non è affar nostro". Coloro che poi pagano effettivamente le borse di studio hanno un'età che va dai 28 ai 50 anni, mentre se si suggerisce il sito a un'amica c'è un regalo di 250 sterline. Secondo dati raccolti dall'Indipendent, son più di 1400 le ragazze tra i 17 e i 24 anni che hanno scelto questa strada per finanziare i loro studi. 

 

Londra

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marco calvi

    22 Dicembre 2012 - 04:04

    semplicementi intelligenti ed evolute.

    Report

    Rispondi

  • antari

    04 Dicembre 2012 - 19:07

    hai detto bene!! Magari anche a loro insaputa..

    Report

    Rispondi

  • plaunad

    01 Dicembre 2012 - 12:12

    Beh, se sono inglesi non mi stupisce.....

    Report

    Rispondi

  • kIOWA

    30 Novembre 2012 - 17:05

    tutto il mondo è paese.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti