Cerca

Scandalo Malia

Le spese folli di Miss Obama
Vacanze da 115.000 dollari

La figlia del presidente in viaggio in Messico con 25 agenti dei servizi segreti come guardie del corpo e 12 amici. Tutto in conto allo Stato

L'ira dei contribuenti: "E' per questo che agli americani si chiede di pagare più tasse?"
Malia Obama insieme alla mamma e al papà

Malia Obama insieme alla mamma e al papà

di Mirko Molteni

Sarebbe costata oltre 115.000 dollari ai cittadini americani, che con la crisi non se la passano bene, la vacanza che lo scorso marzo Malia Obama, primogenita del presidente Usa, si è goduta in Messico. La denuncia è stata lanciata ieri dal Judicial Watch, un’associazione in difesa dei cittadini che fra l’altro sostiene che la notizia di questo viaggio pagato con soldi pubblici era apparsa brevemente in marzo per poi essere subito rimossa dai media dietro pressioni dall’alto, perché fosse dimenticata dai contribuenti. La figlia 14enne di Barack Obama è stata accompagnata da ben 25 agenti dei servizi segreti come guardie del corpo, nonché da 12 suoi amici. Tutto spesato per 38 persone, insomma, secondo i seguenti capitoli: 47.700 dollari per biglietti aerei, 23.900 per trasporti via terra, 22.000 per spese varie testimoniate da centinaia di scontrini e 21.600 per alloggiamento. Il presidente della Judicial Watch, Tom Fitton, commenta, salace: «È per questo che agli americani si chiede di pagare più tasse?».  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • compagno sovietico

    11 Agosto 2014 - 02:02

    Perché la magistratura italiana non interviene per delle spese così pazze?In Italia sono stati indagati e rinviati a giudizio uomini politici regionali che avevano richiesti rimborsi non dovuti anche per 500 euro.Meditate gente su cosa succede in questo paese.

    Report

    Rispondi

  • compagno sovietico

    11 Agosto 2014 - 02:02

    Perché la magistratura italiana non interviene per delle spese così pazze?In Italia sono stati indagati e rinviati a giudizio uomini politici regionali che avevano richiesti rimborsi non dovuti anche per 500 euro.Meditate gente su cosa succede in questo paese.

    Report

    Rispondi

  • chet57

    08 Dicembre 2012 - 21:09

    L'episodio delle spigole [modifica] Il 30 luglio 2009 la Corte dei Conti ha prosciolto il Generale Speciale dall'accusa di aver illegittimamente utilizzato un ATR 42 MP in uso al Corpo per il trasporto di pesce fresco (spigole) da Pratica di Mare alla Scuola Alpina della Guardia di Finanza a Predazzo (TN), dove Speciale stava soggiornando con alcuni ospiti in occasione delle tradizionali Gare Invernali del Gruppo Sportivo Fiamme Gialle. Secondo i giudici contabili, l'uso dell'aereo è avvenuto "per motivi istituzionali" e hanno escluso l'interesse privato. In secondo grado però la corte dei conti ha condannato Speciale, il 15 maggio 2010, a una cospicua pena pecuniaria. [1] [2] Al riguardo, l'11 maggio 2011 la Prima Sezione del Collegio I della Corte di Cassazione ha annullato (Num. provv. Sez. 603-2011-000) la sentenza penale adottata dalla Procura Militare con rinvio alla Procura Ordinaria per difetto di competenza. La carriera politica [modifica] Nell'aprile 2008 è stato eletto deput

    Report

    Rispondi

  • Marcoenrico

    08 Dicembre 2012 - 15:03

    Proviamo a pensare cosa sarebbe successo se una figlia di Berlusconi fosse andata in ferie a spese dello stato! Avrebbero pubblicato articoli indignati per un anno...

    Report

    Rispondi

blog