Cerca

Il commento

Connecticut, strage nella scuola. Mughini: "Non cercate spiegazioni, questo è male totale"

Connecticut, strage nella scuola. Mughini: "Non cercate spiegazioni, questo è male totale"

 

di Giampiero Mughini

Scrivo mentre le notizie su quest’ultimo massacro di innocenti sono ancora frammentarie, a cominciare dal numero dei bambini di una scuola del Connecticut ammazzati senza ragione e senza ragioni. Diciotto o venti o di più. Ancora una volta «la banalità» del male irrompe sui media a lasciarci annichiliti e senza parole adeguate, senza parole che possano aiutarci a comprendere com’è che bambini e adulti che stavano in una scuola e magari stavano ridendo e giocando sono stati falciati via in un istante dalla morte. Un assassino o forse due che sparano all’impazzata centinaia di colpi, presi dalla libidine di uccidere. Cento volte un dito che preme un grilletto pur di riuscire a uccidere qualcuno che molto probabilmente non avevi mai visto prima e che non sapevi perché lo stavi uccidendo. Notizie che vengono dal Paese più ricco del mondo e non dai luoghi dove ciascuna tribù cerca di annientare la tribù dirimpetto. Negli Usa era successo altre volte e c’è un film famoso di Michael Moore, «Bowling a Colombine» (2002), che viviseziona una di quelle stragi in una scuola americana e che depreca fortissimamente il fatto che in America comprare un’arma da guerra è più facile che comprare un’aranciata: eppure tutte le volte che i politici americani fanno un sondaggio, ne ricavano che la gran maggioranza della popolazione ci tiene a stare armata fino ai denti. E anche se il presidente Obama pare abbia annunciato che c’è un limite a tutto, e che questa volta verrà messo un limite di legge al comprare e avere armi. Penso che Moore abbia ragione nel deprecare la facilità con cui negli Usa si compra e si maneggia un’arma, ma che non stia soltanto lì la spiegazione ultima di questi massacri nati dalla «banalità del male». La spiegazione non c’è, punto e basta. 


Leggi il commento integrale di Giampiero Mughini
su Libero in edicola oggi, sabato 15 dicembre

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • petergreci

    15 Dicembre 2012 - 14:02

    Le frequenti stragi negli USA sono sempre compiute da detentori di arsenali. L'industria delle armi finanzia le campagne elettorali dei presidenti e le armi sono vendute nei negozi come lupini. Meglio il finanziamento pubblico dei partiti.

    Report

    Rispondi

  • oneiros

    15 Dicembre 2012 - 13:01

    Una spiegazione invece deve esserci, per forza. Tredici (13) stragi nelle scuole USA in 23 anni - con 94 morti e un numero enorme di feriti - non possono essere spiegate con la semplice "banalità del male" come vorrebbe Mughini. E questa spiegazione deve essere peculiare della società americana perché solo lì accadono queste cose con questa frequenza spaventosa.

    Report

    Rispondi

blog