Cerca

Ore d'angoscia

Nigeria, tre italiani rapiti dai pirati

Il commando è entrato in azione domenica. Quattro i sequestrati: c'è anche un ucraino. La Farnesina chiede il massimo riserbo: al lavoro con le autorità del Paese

Il blitz di sette pirati a bordo di un mezzo veloce. Sequestrato anche il capitano della nave, Emiliano Astarita, 37 anni, della provincia di Napoli. Terzi segue personalmente il caso
La Asso Ventuno

La Asso Ventuno

Una nave da rifornimento è stata attaccata dai pirati al largo della Nigeria. Quattro marinai sono stati rapiti: tre di loro sono italiani, uno è ucraino. Il ministro degli Esteri Giulio Terzi segue il caso personalmente. Al momento - ha comunicato la Farnesina - non ci sono novità ma del caso si sta occupando l'Unità di crisi per garantire il salvataggio dei marinai". Terzi ha poi assicurato che "l'impegno delle istituzioni è massimo e incessante. L'incolumità dei nostri cittadini è la priorità fondamentale". L'Unità di crisi, in stretto contatto con le autorità nigeriane, da par suo ha chiesto per il caso il massimo riserbo. Tra i sequestrati, il comandante della nave. Si chiama Emiliano Astarita, 37 anni, originario di Piano di Sorrento, in provincia di Napoli. La moglie del comandante Astarita, Mariella, ha appreso del sequestro mentre era in vacanza all'estero con la famiglia del marito e i due figli di 11 e 8 anni. 

La moglie: "Sono fiduciosa" - Per le famiglie degli uomini rapiti è stato un Natale di angoscia ed apprensione. La moglie di Astarita ha inviato un breve sms al padre, Gaetano Milone: "Per ora nessuna novità", ha fatto sapere nella mattina di venerdì. La donna si trova all'estero, dove è in vacanza con i figli, e tiene "continui contatti" con la Farnesina. Il padre ha spiegato che la signora ha un interlocutore diretto al ministro degli Esteri. La donna, comunque, si è detta "fiduciosa e tranquilla", in particolare per l'esperienza del marito dell'armatore in un'area come quella della Nigeria.

I rapiti - Oltre al comandate Astarita, i marinai rapiti a bordo del rimorchiatore Asso 21 sono il primo ufficiale Salvatore Mastellone (39 anni, di Sant'Agnello, in provincia di Napoli); il secondo ufficiale motorista Giuseppe D'Alessio (30 anni, di Pompei); Anatoly Alexelev, ucraino di 35 anni. Dopo il blitz dei pirati, sul web sono rimbalzate le polemiche per l'assenza di guardie private a bordo della nave, che si muoveva su acque dove erano già stati registratio diversi attacchi dei pirati nigeriani.

Nave Angusta- Secondo quanto riferisce l'International Maritime Bureau, l'attacco è stato orchestrato nella mattinata di domenica 23 dicembre al largo dello Stato di Bayelsa e gli assalitori, sette in totale, all'attacco su un mezzo veloce. sono fuggiti dopo aver sequestrato quattro membri dell'equipaggio. Gli altri marinai sono riusciti a mettersi in salvo. Nel 2011 un altro suo rimorchiatore, l'Asso 22, era rimasto nelle mani delle milizie libiche per oltre un mese. Alcuni fonte nigeriane a Lagos hanno riferito al blog del sito del Corriere della Sera exPress che il gruppo dei rapitori sarebbe già stato individuato: si tratterebbe di ragazzi che provengono da Bass, dove si trova un importante terminale petrolifero.

Nigeria

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mab

    26 Dicembre 2012 - 17:05

    Certo che è praticamente impossibile trovare un popolo così stracolmo di idioti.

    Report

    Rispondi

  • FabriD

    26 Dicembre 2012 - 17:05

    Proporrei di dare un vitalizio a tutti i pirati del mondo, previa loro autocertificazione; e di chiedere scusa alla restante parte (del mondo !!) per la nostra esistenza !!! Anche una dose giornaliera di autofustigazione di massa ... sarebbe consigliabile !! Se poi ci capitasse di aprire gli occhi , dopo 60 anni di innetto pacifismo di plastica ... e ricordassimo tutti i nostri avi morti anche per farci vivere come siamo ora .... forse costruire il più grande esercito della storia (ne abbiamo capacità e soldi !!!!)... e usalro subito ... sarebbe la soluzione alla presa in giro che ci facciamo propinare da due su un pedalò (e altri banchieri !!!)... che adesso noi finiremo a pagare ..... come dei fessacchiotti paurosi ... ciò che i nostri politici tecnici ... vanno in giro a vantarsi di essere !!!!

    Report

    Rispondi

  • Veraleks

    25 Dicembre 2012 - 19:07

    dove sono?

    Report

    Rispondi

  • ryckard56

    25 Dicembre 2012 - 19:07

    mi associo al commento di aquila azzura2,siamo governati da imbecilli in malafede, ladri,falsi perbenisti che si fanno e ci fanno prendere per il c...o da tutti,Napolitano in testa.il caso india grida vendetta,e quello attuale non sarà da meno,si risolverà in un altro esborso di milioni di euro.povera Italia e poi chidono anche di andarli a votare,ma prima di parlare si guardassero allo specchio e si pulissero con la carta igenica.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog