Cerca

Teutonica dittatrice

La Merkel, un incubo per i greci:
gli ha avvelenato anche l'aria

Atene nel gelo dell'austerity. Gli ellenici costretti a risparmiare anche sul riscaldamento. Così ritornano i camini, e lo smog schizza alle stelle

Angela Merkel

Angela Merkel

 

di Carlo Nicolato

L’equazione è semplice: la troika impone l’austerity alla Grecia, il governo di Atene è costretto a tagliare servizi e ad alzare le tasse, comprese le accise sui carburanti, gas ed elettricità, arriva il freddo e i cittadini non hanno soldi sufficienti per il riscaldamento e così iniziano ad usare vecchi camini e stufe, buttandoci dentro quello che capita, legna, carbone, ma anche pezzi di vecchi mobili verniciati, resti di truciolato industriale, cucine dell’Ikea ormai inutilizzabili e quanto ce n’è vicino ai cassonetti dell’immondizia e nelle discariche. Il risultato è scontato, Atene, come Salonicco, Patrasso e altre città ancora, sono avvolte da una campana di aria marroncina e irrespirabile, che ti si appiccia sulla faccia e nei capelli, ti prende la gola e ti fa bruciare gli occhi. Il particolato viaggia a 150 milligrammi per metri cubi ormai da settimane, tre volte superiore al livello di guardia, e secondo i parametri europei non si dovrebbe superare il limite di 50 per più di 35 giorni l’anno. (...)

Come spiega Carlo Nicolato su Libero di domenica 6 gennaio, la teutonica dittatrice Angela Merkel, ai greci, oltre ad aver reso la vita impossibile a furia di tasse ed austerità, ha avvelenato anche l'aria. Atene, ora, si trova nel gelo dell'austerity. Il popolo ellenico è costretto a risparmiare sul riscaldamento delle case, e così ritornano i camini. La conseguenza? Lo smog schizza alle stelle.

Leggi l'approfondimento su Libero di domenica 6 gennaio

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Vinvag

    07 Gennaio 2013 - 10:10

    Io abito non lontano dalle Alpi. Le vallate alpine sono diventate irrespirabili a causa dei fumi dei riscaldamenti a legna. Lo erano già, ma molto meno di qust'anno e, in aggiunta, anche gli bocchi delle vallate alpine sono diventati irrespirabili. Ma ovviamente i valdostani, ad esempio, furbissimi, hanno bocciato il termovalorizzatore. Molto meglio respirare il naturale e salutare fumo della legna.

    Report

    Rispondi

  • Gios78

    06 Gennaio 2013 - 17:05

    Che schifo Fuhrer Merkel. La pagherà cara, compresi i suoi complici della banda Ue. Pensare che la vera civiltà è nata ad Atene, non certo a Berlino. Tutta Europa si civilizzava mentre lassù si viveva nelle capanne di sterco e fango...

    Report

    Rispondi

blog