Cerca

Prostituzione in Germania

Licenza comunale e test sanitari
Nuove regole per le lucciole tedesche

Licenza comunale e test sanitari
Nuove regole per le lucciole tedesche

Alzare l’età legale a 21 anni e introdurre una licenza comunale per le prostituite. La Germania si appresta a rivedere la legge sulla prostituzione approvata dal governo Schroeder nel 2002 e che ha reso il Paese uno dei più liberali al mondo quanto a sesso a pagamento.
Con l’innalzamento dell’età, spiega Andrea D'Addio sul Fattoquotidiano.it, si cercherà di limitare anche i casi di giovanissime immigrate, soprattutto dall’Est Europa con poca esperienza nel mondo del lavoro e scarso se non nulla reddito. Una condizione che può indurre queste ragazze a vendere il proprio corpo. Con la libera circolazione di rumeni e bulgari sul territorio tedesco dal primo gennaio scorso, si registra anche il rischio che sempre più immigrate possano dedicarsi alla prostituzione.
Per Gerd Landsberg, presidente dell’associazione che raggruppa le autorità tedesche locali sono questi gli strumenti giusti per contrastare criminalità e prostituzione forzata, "assieme alla licenza, si deve obbligare la lavoratrice a sottoporsi a una serie di test sanitari e a un colloquio con esperti”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fossog

    03 Marzo 2014 - 14:02

    le persone sono libere ed hanno diritto di esercitare un mestiere che è anche il più antico del mondo, e QUINDI è il meno cancellabile dall'animo e dai bisogni umani. La copa dello schifo di ragazze seminude in tutte le strade è del solito cancro vaticano che in italia ci tira addosso danni, ed inciviltà, e ci priva di libertà e cultura, da secoli.... si regolarizzi la professione secondo canoni e luoghi DECENTI e si faccia pagare le tasse come per qualsiasi altro lavoro.... basta bestialità dei preti nella nostra vita civile. Già li manteniamo a ufo questi preti nullafacenti, non voglio sopportarli oltre....

    Report

    Rispondi

  • ixior

    03 Marzo 2014 - 09:09

    e in italia a quando la possibilità di fare la partita iva per tale lavoro?

    Report

    Rispondi

    • legalzxr

      29 Marzo 2015 - 19:07

      Dillo, ti senti un evasore eh?

      Report

      Rispondi

  • Gancherro

    02 Marzo 2014 - 23:11

    Ma sono le stesse regole vigenti in Italia grazie ai kompagni sinistronzi, radicali e vaticano!!

    Report

    Rispondi

blog