Cerca

Il processo

La mamma di Reeva a Oscar Pistorius: "Ti perdono, ma devi guardarmi negli occhi"

La mamma di Reeva a Oscar Pistorius: "Ti perdono, ma devi guardarmi negli occhi"

"Sono pronta a perdonarlo, ma prima deve guardarmi negli occhi". Questa è la dichiarazione di June Steenkamp, la madre della fidanzata di Oscar Pistorius - Reeva Steenkamp - uccisa nella villa dell'atleta sudafricano il 14 febbraio del 2013. In un'intervista al settimanale inglese Mail of Sunday la donna si sfoga e commenta la drammatica morte della figlia: "Qualsiasi cosa decida la Corte di Johannesburg, Oscar potrà avere il mio perdono. Prima, però, voglio obbligarlo a guardarmi, per vedere il dolore e l’angoscia che mi ha inflitto. Molte persone nella mia posizione vorrebbero vederlo morto, o punito in modo esemplare, ma io credo nella fede e nella giustizia, non c’è odio, o voglia di vendetta nel mio cuore."

Oggi inizia il processo a Oscar Pistorius
Guarda la gallery su Liberoquotidiano.it

Il processo - Proprio questa mattina - 3 marzo - Pistorius è stato convocato in tribunale per rispondere all'accusa di omicidio premeditato. L'atleta olimpico si è dichiarato non colpevole della morte della compagna e ha continuato a sostenere la sua versione dei fatti, cioè che era convinto di aver sparato contro un ladro che si era introdotto in casa sua: "Pensavo che ci fossero degli intrusi che sarebbero usciti dal bagno per attaccare me e Reeva" ha affermato questa mattina durante il processo. L'accusa, invece, pensa a un omicidio premeditato e ha chiamato a testimoniare la vicina di casa di Pistorius, Michelle Burger, che ha raccontato di esser stata svegliata nel mezzo della notte dalle grida di aiuto di una donna: "Ero ancora a letto e sentii le sue urla - racconta la donna - Subito dopo le sue urla, ho sentito quattro colpi, quatto colpi di arma da fuoco". In aula era presente anche la famiglia Steenkamp, che ha ascoltato l’apertura del processo. La madre della ragazza, che vedeva per la prima volta Pistorius dal giorno della morte della figlia, ha fissato a lungo l’atleta,che ha però evitato il suo sguardo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bettely1313

    03 Marzo 2014 - 18:06

    Prima di giudicare si dovrebbe capire cosa è scattato nella mente di PIstorius, cosa ha fatto scattare tanta violenza nei riguardi della sua amata Chi ci dice che la bella fidanzata l'abbia offeso atrocemente per la sua invalidità? Lui cercava con tanta volontà di mascherare l'andicap facendo sport per far vedere a tutti che anche in condizioni tali è possibile essere accettato come un comune mortale Ho sempre pensato che dietro l'omicidio della fidanzata Pistorius sia stato spiazzato per la sua condizione fisica proprio dalla sua donna che amava tanto., come a dire se lei che dice di volermi bene i è la prima a rinfacciarmi il mio andicap che dirà mai di tutta l'altra gente?

    Report

    Rispondi

blog