Cerca

Dopo il successo

Marine Le Pen: "La sinistra è morta, per il Front National è solo l'inizio"

Marine Le Pen: "La sinistra è morta, per il Front National è solo l'inizio"

All'indomani del successo ottenuto dal Front National nel primo turno delle elezioni municipali in Francia, Marine le Pen pensa già alle elezioni europee e lancia il suo appello: "Chiedo a tutte le forze euroscettiche d'Europa di allearsi in difesa degli Stati nazione, del ritorno della democrazia, della sovranità dei popoli e delle identità nazionali". Intervistata dall'Ansa, la leader del movimento ultranazionalista francese parla anche di Beppe Grillo che qualcuno considera come il suo alter ego italiano: "Non capisco l'odio di Grillo nei miei confronti. In realtà, i nostri partiti sono d'accordo su molti temi, a partire dalla lotta contro l'euro". Poi, non manca di riservare una stoccata al leader del Movimento Cinque Stelle: "Si limita a contestare senza assumersi le proprie responsabilità". Il leader pentastellato, per inciso, ha chiuso a qualsiasi ipotesi di alleanza con il Front National.

"La marea blu" - La Le Pen ha rilasciato un'intervista anche al quotidiano Le Figaro per commentare lo storico traguardo raggiunto dal suo movimento. La leader dell'estrema destra euroscettica traccia un primo bilancio sull'esito del voto ed evoca alcune prospettive future per il suo schieramento: "Questo non è che l'inizio" promette ai suoi elettori, ora che la "marea blu" dei suoi consensi sembra aver travolto l'intero Paese. La Le Pen, europarlamentare dal 2004, si dice sorpresa soprattutto per le percentuali di voto conquistate dal FN in alcune delle più importanti città francesi come "Perpignan, Marsiglia, Metz, Lille, Lione e Strasburgo". 

"Niente accorpamenti" - Marine si dice pienamente fiduciosa nelle capacità dei candidati che sono stati eletti: "Sapranno rispondere alle preoccupazioni degli abitanti. Sono pronti per cominciare a lavorare. Le loro squadre sono già pronte e io non ho alcun motivo di temere un loro fallimento", spiega al giornalista che la incalza sulle critiche mosse da alcuni avversari all'inesperienza politica di alcuni neosindaci eletti tra le fila del suo schieramento. Riguardo al secondo turno, la Le Pen ribadisce la sua intenzione a non accorparsi con la destra moderata (UMP), almeno nelle città in cui FN è in testa: "I miei candidati restano tali. Non ho mai parlato di fondere le liste, e mai lo farò. Se, però, qualcuno decidesse di lasciare l'UMP, allora lo accoglieremmo volentieri".  

"Sinitra morta" - E sul Front Républicain (la coalizione di centro-sinistra), la sua critica è durissima: "Semplicemente, è morto. Le dichiarazioni dei candidati socialisti sono state patetiche. In certi comuni, rischiano di arrivare al terzo posto: potranno mettere una croce di presenza sui registri dei consigli comunali e nulla di più". Sul futuro del suo movimento, poi, non nasconde di avere grandi progetti: "Ci rimproverano di essere un partito di protesta ma noi abbiamo dimostrato di saper governare. Adesso dobbiamo pensare alle consultazioni europee, è lì che si gioca la partita più importante". Poi, conclude: "Adesso, sono molto impaziente. Voglio dimostrare ai francesi cosa siamo in grado di fare". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • beatles14

    31 Marzo 2014 - 00:12

    voto la lega cari piddini, diceva cose sbagliate sull'euro? Vero. Però si è ricreduta, voi no siete il partito dei duri e puri che non si piega nemmeno davanti all'evidenza! capit bovini trinariciuti? El popolo l'è an meseria imbecilli!

    Report

    Rispondi

  • bettely1313

    29 Marzo 2014 - 18:06

    L'Italia con la Lega in primis poi FI e Storace con Destra Nazionale e tutti i partitini di destra dovrebbero essere d'accordo con Le Pen per uscire dall'euro. in questo modo si sconfiggerà la sinistra poi vediamo che fine fanno le promesse irrealizzabili di Renzi, l'unica arma... finta del PD per vincere le europee.

    Report

    Rispondi

  • Sobieski

    25 Marzo 2014 - 13:01

    Allearsi con uno che vota contro (e alla fine lo elimina) il reato di clandestinità... non avrebbe molto senso per un partito palesemente contro l'immigrazione di massa.

    Report

    Rispondi

  • filder

    24 Marzo 2014 - 19:07

    Madam Le Pen,avanti così e chi se ne frega dopotutto se il fanatico Grillo non la vuole seguire,per lui ci saranno FLI e La Lega Nord e non è detto che Forza Italia si tiri indietro:Auguri e buon inizio.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog