Cerca

Venti di guerra

G7, furia su Mosca: "possibili nuove sanzioni". Putin alla Polonia: "Spartiamoci l'Ucraina"

Vladimir Putin

Gli occhi sono puntati sull’Aja, esattamente sulla residenza del primo ministro olandese, dove è cominciato il G7 voluto da Barack Obama per fare il punto sulla crisi ucraina. La prima notizia che è emersa dall'incontro è stata l'espulsione dalla Russia dal G8 con coseguente cancellazione del Summit a Sochi e la scelta di spostare il G7 di giugno a Bruxelles. Lo hanno riferito fonti diplomatiche francesi dall'Aja. Da Amsterdam Obama ha assicurato che "l'Europa e l'America sono uniti nel sostegno del governo ucraino e del suo popolo" e che l'occidente "è pronto a imporre crescenti sanzioni contro la Russia con conseguenze significative per la sua economia". Grande assente dal summit sul nucleare, iniziale motivo dell'incontro, è il presidente Vladimir Putin. Al suo posto ha inviato il ministro degli Esteri, Serghei Lavrov. La Russia dal canto suo, tramite il ministro degli Esteri,  ha fatto sapere di non essere attaccata al format del G8 e che una sua espulsione non rappresenta "una grande tragedia".

Putin e l'accordo con la Polonia - Se all'Aja si cerca tracciare una soluzione del conflitto e confermare la linea comune sulle sanzioni verso la Russia, Putin continua i suoi piani di espansione. Ad aumentare le preoccupazioni la notizia di questa mattina che la Russia vorrebbe spartirsi l'Ucraina con la Polonia. L'intenzione è contenuta in una lettera che la Duma avrebbe inviato al ministero degli esteri polacco. La proposta del Partito liberaldemocratico russo (Ldpr) sembra ipotizzare una spartizione dell’Ucraina tra la Russia e gli altri tre Paesi confinanti, Polonia, Romania e Ungheria. In una lettera inviata alle ambasciate dei tre Stati membri dell’Ue, la formazione nazionalista ha proposto che referendum analoghi a quello svoltosi in Crimea si tengano in tutte le altre regioni dell’Ucraina che in passato erano appartenute ai Paesi vicini. Un portavoce ha negato che si tratti di "una spartizione di territorio", spiegando che sarebbe solo di tornare alla situazione precedente alla creazione dell’Ucraina da parte dell’Urss. "Essenzialmente, popoli che erano incompatibili per la loro natura psicologica e che per secoli si sono combattuti si sono ritrovati nello stesso territorio", si legge in un comunicato del partito. Tra le regioni in questione, ci sono le ex polacche Volyn, Leoopoli, Ternopil, Ivano-Frankivsk e Rivn e quella di Chernivtsi che quando faceva parte della Romania si chiamava Bessarabia. Il portavoce del ministero degli Esteri polacco, Marcin Wojciechowski , ha confermato l’arrivo della lettera, ma ha aggiunto che nessuno l’ha presa "seriamente" in considerazione. Secondo la televisione polacca TVP, simili suggerimenti da parte russa sono arrivati anche ad Ungheria e Romania per annettersi Transcarpazia e regione di Chernivtsi. A questo punto solo la zona centrale dell’Ucraina, compresa Kiev, rimarrebbe indipendente.

A rischio anche la Moldavia - Ma i segnali allarmanti provenienti dalla Russia non sono finiti. La Nato ha lanciato l'allarme per possibile 'interesse' russo sulla Transnistria, zona autonoma della Moldavia a maggioranza russa. Secondo il generale Philip Breedlove, a capo del Comando alleato d'Europa, l'ammassamento di truppe al confine ucraino, registrato nelle scorse ore, potrebbe facilmente permettere lo sbarco all'interno della Moldavia. Intanto il presidente ad interim ucraino, Olexander Turchynov, ha ordinato il ritiro delle forze armate dalla Crimea. La decisione, ha spiegato, è stata presa a seguito delle minacce ricevute dal personale militare e dalle famiglie, ma anche dopo che le truppe russe hanno preso il controllo della base navale di Feodosia, l'ultima battente bandiera ucraina in Crimea, dopo l'annessione alla Russia. Un'ottantina di militari di Kiev sono stati fatti prigionieri e due sono rimasti feriti. Poi l'annuncio di Turchynov.

Il g7 senza Putin - Anche di questo si sta discutendo a margine del terzo vertice mondiale sulla sicurezza nucleare al quale parteciparanno i rappresentati del G7 (senza Putin). L'incontro è stato fortemente voluto da Barack Obama per per mantenere la pressione su Mosca, dopo la bufera scatenata dall'annessione della Crimea alla Federazione russa. Le sanzioni imposte a Mosca da Stati Uniti e Unione europea per la crisi "avranno un costo per l'economia russa": ha assicurato il presidente americano in una conferenza stampa ad Amsterdam. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • aldo delli carri

    25 Marzo 2014 - 16:04

    e chi se ne fotte, ma cosa rappresentano questi g... 8, 7 solamente una rappresentazione scenica...l'ucraina se la sono già divisa e noi perdiamo tempo a leggere le stronzate della stampa filo americana...

    Report

    Rispondi

  • filder

    25 Marzo 2014 - 13:01

    mi auguro che il fresco autoproclamato Renzi,si tenga alla larga da gente come:Obama,Merkel Holland in quanto questi Signori istigatori di zizzanie,buttano la pietra per poi nascondere la mano,in questo momento l Italia ha bisogno di tutto,meno che frizioni con la Russia,visto che noi siamo i loro 2 partner commerciali e non dimentichiamoci la batosta presa in Libia per colpa di Sarkosi .

    Report

    Rispondi

  • soter66

    24 Marzo 2014 - 19:07

    In base all'autodeterminazione dei popoli e in base a quallo che è successo in Kosovo come voluto dagli americani in primis ,la proposta è legittima.

    Report

    Rispondi

  • Estero1

    24 Marzo 2014 - 19:07

    giusto,prendiamoci una parte dell'ucraina,a noi rumeni potrebbe fare comodo,utilizzando questo territorio come granaio

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog