Cerca

Scandalo perpetuo

Battisti, l'assassino trova lavoro:
un posto nel sindacato di Lula

L'ex terrorista è ormai una celebrità in Brasile, e a 58 strappa un impiego nella sigla che fa riferimento all'ex presidente che lo salvò dall'estradizione

Cesare Battisti

Cesare Battisti

di Andrea Morigi

Alla bella età di 58 anni, Cesare Battisti - terrorista condannato all’ergastolo in Italia perché giudicato colpevole di quattro omicidi - ha trovato finalmente un lavoro. Anzi, si limiterà a fare il sindacalista. Ovviamente, dato il suo rango, si appresta a svolgere un ruolo adatto all’élite di cui fa parte. Ormai è una celebrità perché quel che in Italia si ritiene famigerato, in Brasile è considerato soltanto famoso. Così per non doversi mischiare al proletariato urbano, in qualche sobborgo infestato dalla criminalità, da circa un mese Battisti abita a San Paolo, in un appartamento di 90 metri quadri preso in affitto nel quartiere di Jardins, uno dei più costosi ed esclusivi della megalopoli.

Al suo non invidiabile curriculum, che lo ha visto esordire in gioventù come delinquente comune per poi politicizzare la sua attività criminale con l’ingresso nei Proletari armati per il comunismo, si aggiungerà presto «qualche incarico professionale» nella Central unica dos trabalhadores (Cut), il sindacato legato al Partido dos trabalhadores (Pt, di sinistra) di cui sono esponenti di punta l’ex presidente della Repubblica, Luiz Inacio Lula da Silva e l’attuale capo dello Stato, Dilma Rousseff.

Che sia protetto dalla classe politica al potere è noto. Arrestato a Rio de Janeiro nel 2007, Battisti ha ottenuto la libertà dopo il “no” all’estradizione pronunciato proprio da Lula nell’ultimo giorno del suo mandato, il 31 dicembre 2010.  Da giugno 2011 vive da uomo libero in Brasile, ha partecipato alle sfilate del Carnevale di Rio de Janeiro e ora, per non annoiarsi, oltre a scrivere libri, tenta di riscattarsi attraverso un impegno a favore dei lavoratori.

Del resto, è noto che anche la Rousseff aveva fatto parte di formazioni terroristiche prima di arrivare ai vertici delle istituzioni. Il riciclaggio degli ex guerriglieri è un’attività in voga in Brasile.

Attualmente, lo sponsor maggiore di Battisti è il senatore brasiliano Eduardo Suplicy che ha rivelato di essersi anche offerto come «garante morale» dell’ex membro dei Proletari armati per il comunismo nei confronti dell’agenzia immobiliare in quanto «Cesare è una persona corretta» e fra l’altro «adesso è uscito un libro, Gli scenari occulti del caso Battisti di Carlos Lungarzo, che dimostra che è innocente». A dir la verità c’è anche chi, come il giudice brasiliano Walter Filho, sostiene in un altro volume,  Il caso Cesare Battisti. La parola alla corte, che le sentenze dei tribunali italiani sono invece assolutamente corrette.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ghepardo50

    29 Settembre 2014 - 20:08

    che dire? ci può essere differenza fra lula e hitler e tutti quelli che proteggono gli assassini? se si quale....? il brasile dimostra di avere l'idea di giustizia particolare, non fara molta strada come stato di diritto. Il tempo è giustiziere......povero brasile....

    Report

    Rispondi

  • rendagio

    28 Giugno 2013 - 22:10

    Questo è il potere comunista , Lula prezzolato compagno ,come non poteva aiutare un assasino rosso ? Ma la giustizia in quell paese è lenta ..ma arriva, in Italia gli avrebbero dato un ministero, dal momento che abbiamo a che fare con una casta politico mafiosa.....ma fino a quando.... Lo sdegno del caso battisti in brasile è molto sentito...in quanto non è una nazione di terzo mondo, ma è un popolo che sa espimersi ,mentre in Italia è solo un pqaese sotto il 3° mondo

    Report

    Rispondi

  • apostrofo

    28 Giugno 2013 - 18:06

    Ciorca un mese fa,o anche meno, fu arrestato a Fiumicino un ricercato dal governo brasiliano per traffico di organi tra brasile e sud africa. ricercato di cui il brasile ha chiesto subito l'estradizione. Non è che sarebbe ora di fare uno scambio con battisti ? Dove è finito 'sto ricercato ? Oppure saremmo troppo cattivi,secondo certa parte politica, se chiedessimo lo scambio e se a battisti facessimo fare finalmente la galera in Italia ? Una volta una prova di carattere , no ?

    Report

    Rispondi

  • swiller

    11 Gennaio 2013 - 08:08

    Stiamo parlando del brasile non di un paese civile.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog