Cerca

Attacco totale

Barroso fa campagna elettorale:
"L'Italia aveva governi irresponsabili"

Il presidente della Commissione europea dà giudizi sul nostro Paese: "Il debito? Colpa dei governi precedenti". La congiura contro il Cav parte anche da Bruxelles

Barroso fa campagna elettorale:
"L'Italia aveva governi irresponsabili"

 

Ormai la campagna elettorale italiana si combatte anche in Europa. Tutti insomma sono autorizzati a mettere bocca sulle cose di casa nostra. E soprattutto chiunque può criticare Silvio Berlusconi. Serve solo quello. Mettere il Cav con le spalle al muro. E anche Josè Manuel Barroso , presidente della Commissione europea , non ha voluto perdere l'occasione per attaccare elegantemente Berlusconi. Durante una conferenza stampa a Dublino parla dell'Italia e sbotta: "E' sleale accusare l'Unione europea davanti all’opinione pubblica per l’austerity. Le difficoltà dell'Italia vengono dal debito eccessivo fatto dai governi precedenti" e, ha aggiunto, "per l’irresponsabilità  dei supervisori nazionali". Barroso è un fiume in piena e agli euroscettici risponde: "Le misure di austerity ci sarebbero con o senza l’euro, con o senza l’Unione europea". Poi dopo aver attaccato i governi precedenti italiani, e quindi il Cav, prova anche a rilanciare e a difendere l'immagine dell'Unione europea: "C’è il mito che la Ue impone politiche dure, ma non è vero. Molti portano questa posizione all’opinione pubblica. Ma questo è sleale, è necessario per riconquistare la fiducia, indispensabile per recuperare gli investimenti senza i quali non si può avere crescita". 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • alejob

    24 Gennaio 2013 - 14:02

    Mi puoi dire il perchè l'Italia si trova in queste condizioni. Io sono alla soglia degli ottanta, ho una pensione che mi da la focoltà di vivere dignitosamente, perchè quelli che hanno decine di anni meno di me sono in povertà?. Non si tratta di fortuna o Culo, si tratta che tutti, dico tutti, dobbiamo lavorare e non aspettare che gli altri ci mantengono. In questo paese manca una direttiva per la formazione dell'individuo. Tutti vogliono studiare tutti vogliono diventare, Dottori, Avvocati, in parole povere, gente parassitaria che non porta profitto al paese. Nessuno vuole sgobbare PIEGARSI LA SCHIENA, PERCHE COSTA TROPPA FATICA. In Italia manca il sistema della scuola come in altri pasei. Ogni tre mesi si fa un esame in classe, se riesci vai avanti, altrimenti vieni inviato a scuole inferiori di apprendistato. Poi i Comuni e le Regioni danno il numero di quanti laureati, tecnici e i settori ai quali servono. In Italia questo non esiste e per questo ci troviamo nella (M).

    Report

    Rispondi

blog