Cerca

Afghanistan, agguato mortale: uccisa una fotografa tedesca, grave una reporter canadese

Afghanistan, agguato mortale: uccisa una fotografa tedesca, grave una reporter canadese

In Afghanistan, un uomo con una divisa da poliziotto ha aperto il fuoco contro due giornaliste dell'agenzia americana Associated Press. Si tratta di una fotografa tedesca e di una reporter canadese. La prima, Anja Niedringhaus (48 anni, vincitrice di un premio Pulitzer e autrice del celebre scatto al soldato italiano dopo la strage di Nassiriya), è morta in seguito all'agguato. La seconda, Katthy Gannon, è invece rimasta gravemente ferita. E’ accaduto a Khost, una piccola città nella parte orientale del Paese, quasi al confine con il Pakistan.

 

 

L'agguato - Lo ha riportato un twitter dell'agenzia afghana Tolonews, citando fonti delle autorità locali. Al momento dell’attacco Niedringhaus e Gannon si trovavano sulla loro auto,stando a quanto riferito da AP, in un convoglio di mezzi che stavano trasportando il materiale per le elezioni presidenziali. Il convoglio, che era appena arrivato nel distretto di Tania, era scortato dall’esercito e dalla polizia afghana. Secondo un giornalista freelance testimone dell’attacco, prima di sparare, l’assalitore avrebbe urlato “Allahu Akbar”, “Dio è grande”: ora si trova in custodia della polizia. 

Alla viglia del voto - Oggi, venerdì 4 aprile, l’Afghanistan sta vivendo una tormentata vigilia elettorale: domani, infatti, si voterà per le elezioni presidenziali e i talebani hanno minacciato di insanguinare in tutto il Paese. Sulla tornata elettorale, che segnerà la fine dell’epoca Karzai e dell’impegno delle forze Nato nel Paese in scadenza a fine anno, pesano essenzialmente due incognite: la sicurezza degli elettori e il fondato rischio di brogli. Quello odierno è il terzo attacco contro giornalisti nelle ultime settimane in Afghanistan.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vivalabici

    05 Aprile 2014 - 09:09

    Onore a queste vere giornaliste, come la nostra Ilaria Alpi, che per documentare quello che succede vanno sul territorio a rischiare la ghirba e, al contrario di Lilli - labbra in pressione - Gruber, non hanno il tempo di cambiarsi il foulard.

    Report

    Rispondi

blog