Cerca

La testimonianza

L'ambasciatore italiano accusato di pedofilia, uno dei bambini filippini: "Ecco cosa ci ha fatto"

L'ambasciatore italiano accusato di pedofilia, uno dei bambini filippini: "Ecco cosa ci ha fatto"

"Ci ha chiesto se volevamo andare a divertirci un po' in piscina… Allora siamo andati prima da MacDonald a mangiare e poi ci ha portato nella sua casa perché eravamo sporchi… Ci ha detto di fare una doccia perché eravamo troppo sporchi per andare in giro. Ci ha aiutato a lavarci. Si è messo un asciugamano intorno per non bagnarsi quando ci insaponava". E' il racconto di uno dei tre bambini che l'ambasciatore italiano in Turkmenistan Daniele Bosio ha portato nel resort di lusso Splash Island, nelle Filippine. In seguito a quel fatto, Bosio è stato accusato di pedofilia da Lily Flordelis, responsabile dell'organizzazione a tutela dell'infanzia Bahay Tuluyan Foundation. L'arresto avvenne il 5 aprile, e da allora Bosio, rimosso dal ruolo diplomatico, è in carcere nelle Filippine. Recluso in una cella di 30 metri quadri insieme ad altre 90 persone, è la denuncia del suo legale Elisabetta Busuito, senza servizi igienici e senza cibo (tranne quello che gli viene portato dai famigliari e da un amico), in condizioni ambientali estreme con la temperatura che supera i 40 gradi. "Ha perso 10 chili, abbiamo scritto all'ambasciata nelle Filippine affinché si attivi sul caso di un cittadino italiano impegnato in attività umanitarie e di volontariato da 20 anni", spiega l'avvocato Busuito.

La versione della difesa - La testimonianza di uno dei tre bambini, rispettivamente di 9, 10 e 12 anni, che seguirono Bosio nel parco acquatico corrisponde sostanzialmente alla versione fornita dalla difesa dell'ex ambasciatore: "La vicenda di Bosio è kafkiana, è incarcerato - dice all'agenzia Adnkronos la Busuito - nelle condizioni più rigide solo sulla base di un semplice sospetto mentre ci sono decine di testimonianze scritte che sottolineano il suo comportamento sempre ineccepibile". "Bosio è stato visto giocare in un luogo pubblico, un parco acquatico, con tre ragazzini - è la ricostruzione del legale del diplomatico italiano -. Questi ultimi sono stati ascoltati dalla polizia, se ci fossero stati abusi sarebbero stati loro stessi a formulare accuse in questo senso. Invece hanno solo detto che Bosio ha giocato con loro, ha dato loro da mangiare, li ha fatti lavare perché in caso contrario non li avrebbero fatti entrare al parco acquatico, dove poi sono stati visti. Sono ragazzi di strada che vivono nella miseria, Bosio si è solo prodigato per loro. Ed ora è detenuto in quelle condizioni". Nelle Filippine, un adulto non può accompagnarsi in pubblico con un minore di 10 anni a meno di un rapporto di parentela fino al quarto grado. In caso contrario, può scattare l'accusa di pedofilia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • filder

    04 Maggio 2014 - 19:07

    Lo scopo che voleva raggiungere questo uomo no lo so, ma so che oramai tutto il mondo è paese nel fare i processi alle intenzioni: ricordate il processo "non poteva non sapere"

    Report

    Rispondi

  • carlex

    04 Maggio 2014 - 06:06

    Se fosse stato Ambasciatore Americano lo avrebbero prelevato e successivamente,dopo l'acquisizione delle prove Giudicato...L'Italia e' un paese che non vuole bene ai suoi cittadini, quindi non aspettatevi assistenza in nessuna parte del mondo voi siate... Maro' in India, Chico Forti ecc, vedi anche le nostre forze di polizia che non possono ne difendersi ne attaccare, una vergogna tutta Italiana!

    Report

    Rispondi

  • rossini1904

    03 Maggio 2014 - 23:11

    Impariamo da questo episodio. Gli altri Paesi pretendono che le loro leggi vengano rispettate anche se assurde. E certamente assurda è una legge che sospetta di pedofilia chi si accompagna in pubblico ad un minore di 10 anni. Ecco, forse sarebbe il caso di pretendere che gli stranieri in Italia rispettino le nostre leggi che, oltretutto, sono molto più civili e ragionevoli.

    Report

    Rispondi

  • RaidenB

    03 Maggio 2014 - 23:11

    Peccato che la testimonianza dello stesso bambino lo inchiodi. "Ci ha aiutato a lavarci. Si è messo un asciugamano intorno per non bagnarsi quando ci insaponava". Che bisogno aveva l'ambasciatore di lavarli lui di persona quando poteva dire semplicemente ai bambini di lavarsi da soli? Inoltre quando lo hanno beccato in camera da letto con loro, cosa faceva? Raccontava le favole della buonanotte?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog