Cerca

La tragedia di Sama

Turchia, 282 morti nella miniera. Contestato Erdogan, violenti scontri in piazza

Turchia, 282 morti nella miniera. Contestato Erdogan, violenti scontri in piazza

Sono 282 le vittime fino ad ora accertate dell’esplosione di una miniera a Soma, in Turchia, dove continua la corsa contro il tempo per cercare di recuperare altri superstiti. Si teme che le vittime siano molte di più, perchè secondo l’azienda che gestisce il sito, al momento della deflagrazione erano al lavoro 787 minatori. «Restano intrappolati in 120», ha detto il premier turco, Recep Tayyp Erdogan nel corso di una conferenza stampa tenuta sul posto, al termine della quale la sua auto è stata presa a calci da manifestanti inferociti per la mancanza di sicurezza nella miniera. Di «circa 350» operai morti ha parlato Ozgur Ozel, capo dell’opposizione turca che si riconosce nel Partito repubblicano del popolo, che il 29 aprile scorso si era visto rifiutare dal governo la richiesta di discutere un dossier sugli incidenti nella miniera, che si trova nella provincia di Manisa, 120 km a nord di Smirne.
L’esplosione appare destinata a diventare il più grave incidente di questo genere mai accaduto in Turchia, ha spiegato ai giornalisti il ministro dell’Energia, Tamer Yildiz. Il governo ha decretato tre giorni di lutto nazionale per onorare le vittime, con tutte le bandiere sugli edifici pubblici
esposte a mezz’asta. Il presidente Abdullah Gul ha cancellato la sua visita ufficiale in Cina e domani sarà a Soma. Le squadre di soccorso hanno lavorato tutta la notte e la mattina, ma «le speranze di trovare qualcuno ancora in vita si stanno affievolendo. La maggior parte dei decessi è avvenuta per avvelenamento da monossido e biossido di carbonio.

Il trasformatore difettoso - Finora il peggior disastro di questo tipo in Turchia risaliva al 3 marzo 1992, in una miniera di carbone di Zonguldak, vicino al Mar Nero, quando morirono 272 operai in un incendio causato da una fuga di gas. I sindacati turchi hanno spesso denunciato la mancanza di sicurezza nelle miniere. Stavolta l’esplosione, avvenuta alle 14:30 di martedì, pare sia stata causata da un trasformatore elettrico difettoso. I soccorritori hanno pompato ossigeno e aria pulita all’interno per cercare di mantenere in vita quanti sono ancora intrappolati 2.000 metri sottoterra e a 4 km. dall’ingresso.

La polizia carica i manifestanti - Nel Paese si è subito riaccesa la protesta che prima delle elezioni amministrative di fine marzo aveva avuto nel mirino Erdogan. Polizia e migliaia di manifestanti turchi hanno ingaggiato violenti scontri a Istanbul. Vi sono diversi feriti e sono stati effettuati arresti. I manifestanti si erano radunati per protestare contro il governo per l’incidente alla miniera ma la polizia lo ha disperso servendosi di lacrimogeni, idranti e pallottole di gomma. Ci sono diversi feriti e sono stati effettuati degli arresti, ha riferito un fotografo dell’agenzia France Presse. Una manifestazione è stata organizzata anche ad Ankara dove la polizia è intervenuta, usando gas lacrimogeni e idranti per fermare circa 800 studenti si erano riuniti nel campus del Politecnico  dove per marciare verso il ministero dell’Energia.

Guarda le immagini degli scontri tra la polizia e i manifestanti

Sciopero generale - Oggi i quattro maggiori sindacati del Paese hanno convocato una giornata di sciopero nazionale: i rappresentanti dei lavoratori sono furiosi per quelle che ritengono essere le scarse condizione di sicurezza in cui operano molte aziende, un tempo statali e oggi in mano ai privati: «A Soma -si legge in un comunicato- centinaia di nostri fratelli operai sono stati lasciai morire dall’inizio perchè costretti a lavorare in brutali processi di produzione pur di ottenere il massimo del profitto».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog