Cerca

Epic fail

In Francia 2 mila treni sbagliati, dovranno rifare più di mille banchine

A sinistra il nuovo treno troppo largo, accanto il vecchio più piccolo

In Francia sono stati spesi 15 miliardi di euro per circa 2 mila treni che non potranno entrare in stazione. Almeno non subito, visto che sarà necessario spendere altri 50 milioni di euro per rompere e ricostruire 1.300 banchine (su 8.700) nelle stazioni servite dai treni regionali fuori misura. La svista clamorosa è piovuta sulla testa dei dirigenti della Société nationale des chemins de fer français (Sncf), la società ferroviaria di stato francese. La notizia è stata diffusa dal giornale satirico Le Canard Enchainé, ma dopo un po' la stessa società ha confermato e le risate dei francesi si sono trasformate in insulti.

L'errore madornale - Da cinque anni la Sncf lavorava con le regioni per sostituire i vecchi treni regionali. In circolazione da 30 anni, i vecchi convogli avevano uno spazio dalla banchina di 12 centimetri. La Sncf ha quindi autorizzato le società produttrici Alstom (Francia) e Bombardier (Canada) di allargarsi di 20 centimetri, per aumentare il confort nelle carrozze dei pendolari. Sarebbe bastato però fare un salto in stazione e rendersi conto che quei centimetri in più non c'erano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • GIOCAL

    22 Maggio 2014 - 15:03

    Almeno in Francia fanno qualcosa, qui in Italia riusciamo tuttalpiù a criticarli. Noi cosa abbiamo fatto con i treni ? Rien ! Meglio loro che hanno fatto dei buoni treni anche se apporteranno delle modifiche necessarie e che avrebbero dovuto fare ugualmente.

    Report

    Rispondi

  • fossog

    22 Maggio 2014 - 14:02

    sud europa in marcescenza. Solo il nord europa protestante si salva. Ma francia, portogallo, spagna, italia, irlanda, sembrano accomunate dal bestiale buonismo cattolico a ZERO meritocrazia, vivono della bestiale cultura del buonismo che perdona e alleva gli incapaci ed i disonesti... e così si arriva al colmo di progettare treni fuori misura per rotaie già esistenti, ma li perdoniamo... NO ?

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    22 Maggio 2014 - 11:11

    Non è che in questo "affare" c'è qualche zampino politico Italico ? Mi sembra tanto a quello che quotidianamente succede nel nostro bel paese, JamboTram, Filobus troppo lunghi, ecc.... Ho l'impressione che a certi livelli le teste sono uguali: PIENE DI SEGATURA.

    Report

    Rispondi

blog