Cerca

Il bunker del fuhrer

Ecco dove si uccise Hitler
Life pubblica le foto inedite

Il fotografo Vandivert nel 1945 riuscì ad entrare nelle stanze dove il nazista passò le ultime ore prime di uccidersi con l'amante. Gli scatti andarono persi

La macchia di sangue sul divanoo a fiori, un quadro rubato abbandonato su una tanica di benzina, carte sparpagliate ovunque, un telefono con la cornetta alzata: le fotografie erano negli archivi del magazine americano
Una delle immagini pubblicate su Life.Time.com

Una delle immagini pubblicate su Life.Time.com

 

In queste stanze il Fuhrer e la sua amante passarono le sue ultime ore. Stanze messe sottosopra, con un prezioso quadro del '500 rubato da un museo di Milano abbandonato sopra una tanica di benzina e con il divano dozzinale a fiori dove Adolf Hitler e Eva Braun si uccisero con una vistosa macchia di sangue. Il bunker di Berlino del nazista capo del Terzo Reich venne immortalato nel 1945 William Vandivert, primo fotografo occidentale al quale fu concesso di fare scatti di quel luogo. ''Abbiamo fotografato al buio, con una candela come sola illuminazione'', scrisse Vandivert nelle note dattiloscritte di accompagnamento delle foto alla sede della rivista a New York che ne pubblicò sono alcune nel luglio 1945: ''Il nostro gruppetto di quattro è stato il primo. Gli altri sono arrivati quaranta minuti dopo''. Da oggi tutte le fotografie di Vandivert sono on line sul sito Life.Time.com che spiega: ''Prese nel loro complesso gettano luce sul surreale universo che Vandivert incontrò nel bunker e nelle strade della città abbandonata''.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog