Cerca

BREAKING NEWS

Algeria, uccisi 35 ostaggi di Al-Qaeda

L'impianto petrolifero nel Sahara algerino dove sono stati presi gli ostaggi

L'impianto petrolifero nel Sahara algerino dove sono stati presi gli ostaggi

Potrebbe aver avuto un tragico epilogo il sequestro di una quarantina di ostaggi stranieri da parte di un commando jihadista nel Sahara algerino. Secondo Al Jazira, 35 ostaggi e 15 rapitori sarebbero morti in uno scontro a fuoco scoppiato dopo che i terroristi erano usciti dall’impianto per l'estrazione di gas al confine con la Libia. Anche l’agenzia di stampa mauritana Ani ha citato fonti jihadiste secondo cui sarebbero morti 34 ostaggi e 15 rapitori. Per ora i media francesi si limitano a confermare che sarebbe in corso un attacco delle forze speciali algerine appoggiate dagli elicotteri. In precedenza avevano dato notizia della liberazione di 40 algerini, per lo più donne che lavoravano come interpreti, e di 15 stranieri, tra cui ci sarebbero due francesi. In seguito i terroristi avevano chiesto di poter lasciare l’impianto con gli ostaggi senza venire attaccati e potrebbe essere a questo punto che è scattato l’attacco. 

La situazione appare ancora molto confusa, perchè l'impianto -gestito dalla britannica Bp, dall’algerina Sonatrach e dalla compagnia norvegese Statoil e situato a Tigantourine, 40km da In Amenas, non lontano dalla frontiera libica -è in pieno deserto e le notizie arrivano frammentate e difficili da confermare. In mattinata, secondo l’emittente privata algerina Ennahar, che citava "una fonte ufficiale", erano riusciti a fuggire "quindici stranieri, tra cui una coppia francese; e, secondo l’agenzia di notizie algerina, Aps, erano riusciti a scappare dall’impianto 30 algerini, magari lasciati andare dagli islamisti che è probabile vogliano concentrarsi sugli ostaggi occidentali. In mattinata i sequestratori avevano espresso la disponibilità a negoziare purchè l’esercito algerino si allontanasse dall’area nelle vicinanze dell’impianto. L’agenzia mauritana Ani, che è in contatto telefonico con uno degli uomini del commando che ha preso gli ostaggi nell’assalto di  ieri sostiene che tra le vittime ci sarebbe anche il leader del commando, Aboul Baraa. La fonte di Ani ha aggiunto che faranno saltare in aria tutti gli ostaggi se l’esercito algerino si avvicina ulteriormente al luogo in cui sono rinchiusi. Secondo l’emittente panaraba l’esercito algerino ha attaccato i terroristi mentre stavano trasferendo gli ostaggi in un altro luogo.

Intanto, in Mali, si continua a combattere. La Francia ha potrato a 1.400 gli uomini sul terreno (2.500 l’obiettivo finale, secondo quanto anticipato nei giorni scorsi). Nella notte ci sono stati nuovi scontri tra l’esercito maliano, sostenuto dalle truppe francesi, e gli estremisti jihadisti che circondano la città di Konna, nel settore centrale.   Dall’Ue è arrivato il via libera alla missione Eutm di addestramento e formazione dell’esercito maliano. La missione era in programma da tempo, ma i ministri degli Esteri dei 27, convocati in riunione straordinaria, hanno deciso di accelerare i tempi: la missione (formata da 400-500 uomini, la metà dei quali istruttori) potrebbe essere operativa già a metà febbraio, una settimana prima del previsto. L’Italia, ha annunciato il ministro degli Esteri, Giulio terzi, ha dato una disponibilità "fino a 24 uomini". Non ci saranno invece soldati italiani impiegati direttamente sul terreno, ha confermato il ministro.

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • raucher

    17 Gennaio 2013 - 20:08

    che fornirono armi ai ribelli in Libia e ora in Siria , armi che passano direttamente ai gruppi fondamentalisti.Si ripete lo stesso errore compiuto ai tempi dell'Afganistan contro l'Urss. Aggiungo che gli africani ci sputacchiano come colonialisti , poi , quando necessita , chiedono aiuto per difendersi dagli arabi che li considerano scimmie.Vedi Sudan .

    Report

    Rispondi

  • alejob

    17 Gennaio 2013 - 20:08

    Comprendo Holland, che ha interesse solo alle miniere d'Oro e dell'Uranio del Mali, ma che l'Italia, dipendente da tutti i paesi del mondo, per le sue risorse, vada ancora a mettersi nei guai, non é concepibile. Certi "Politici" hanno una mentalità distorta.

    Report

    Rispondi

  • Borgofosco

    17 Gennaio 2013 - 17:05

    La dissennata politica di interventismo iniziata con i bombardamenti in Libia, per volontà di chi è rimasto all'idea belligerante che vigeva prima dell'abbattimento del muro di Berlino. Costoro stanno pericolosamente trascinando l'Italia in guerra! Come ho già detto questi incapaci giocano con il destino di quell'Italia posta ad un tiro di cannone dai focolai di guerra! Ringraziamo questi incapaci! Altro ringraziamento all'ex ministro degli esteri più inetto della storia d'Italia.Il presuntuoso, anziché preoccuparsi di cosa accadeva nella vicina Africa, complottava per mendicare un posto prestigioso alla NATO. Sono preoccupato, se prevarranno i filo-nazisti supini a Martin Schulz e Angela Merkel, che l'Italia diventi la base logistica per forze armate,non europee ma appartenenti a singoli Paesi europei. Questo si ritorcerà contro di noi. Ma la strage palestinese del 1980 a Bologna proprio non ha insegnato nulla?

    Report

    Rispondi

blog