Cerca

Vincoli europei

Angela Merkel, l'apertura: patto di stabilità "flessibile"

Angela Merkel, l'apertura: patto di stabilità "flessibile"

Dall'Europa arriva un piccolo segnale. L'Italia chiede un profondo cambiamento, continuando ad insistere sulla necessità di "ripensare la strategia per rilanciare la crescita e il lavoro". Lo fa in un documento del nostro esecutivo consegnato al presidente del Consiglio, Herman Van Rompuy, in vista del vertice Ue. E da Berlino, primo centro di potere continentale, arrivano dei timidi segnali di apertura: Angela Merkel apre alla flessibilità sui patti europei, a condizione che vengano rispettate le norme comunitarie. Del documento italiano ha dato conto l'agenzia Ansa, che sottolinea come nel papello Roma spieghi che "tocca a noi" far ripartire l'Europa, con un "nuovo inizio", poiché "una rissa sulle nomine sarebbe incomprensibile agli occhi dei cittadini". Un riferimento, quest'ultimo, alla battaglia in atto per decidere chi dirottare alla presidenza della Commissione Europea (la convergenza dovrebbe essere stata trovata sul candidato del Ppe, Jean-Claude Juncker).

La possibile deroga - A rispondere all'appello italiano è il portavoce della cancelliera tedesca, Steffen Seier, che chiarisce come per la Merkel ci sia un margine di flessibilità per quel che riguarda l'applicazione del Patto di Stabilità. "E' possibile prorogare i termini, cosa già accaduta in passato", ha spiegato Seibert riferendosi alla clausola per investimenti, grazie alla quale i Paesi in deficit inferiore al 3% del Pil possano temporaneamente derogare dalle politiche di austerity per dirottare parte della spesa su investimenti pubblici mirati al rilancio dell'economia. "La credibilità - ha aggiunto il portavoce - deriva dal rispetto delle regole che ci si è dati".

Il documento - Nel frattempo, a parziale conferma del fatto che qualcosa potrebbe cambiare, sono stati resi noti alcuni passaggi del documento di Herman Van Rompuy, presidente del Consiglio europeo, in cui presenta l'"Agenda strategica in tempi di cambiamento". Il testo sarà concluso al massimo domani, martedì 24 maggio, e contiene il programma della nuova Commissione Ue. Per l'Ialia la parte più significativa è intitolata "A union of jobs, growth and competitiviness", con le novità per il rilancio dell'occupazione grazie agli investimenti. Van Rompuy ha spiegato: "Sono necessari passi audaci verso riforme strutturali e un'agenda positiva per la crescita, la competitività e il lavoro".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • spalella

    24 Giugno 2014 - 13:01

    INSOMMA AUMENTIAMO I DEBITI, invece di pesacre nel mare magnum dello spreco di stato e politica, nello spreco ENORME Locale. invece di reperire fondi dalle MIGLIAIA ENTI INUTILI, dai Privilegi, dalle Consulenze Truffa, dagli Appalti Truffa, dalle Poltrone Inventate nelle soc pubbliche, ecc ecc, Renzi AUMENTA IL DEBITO. Ma la colpa è dei cittadini IDIOTI che si fanno gestire come PECORE.

    Report

    Rispondi

  • zuma56

    24 Giugno 2014 - 10:10

    Non è colpa della culona se è fatta così. Essendo nata in Germania ha il DNA dei tedeschi che da sempre ambiscono a schiacciare sotto il loro tallone il resto d'Europa. Facciamoci furbi e smettiamo di acquistare prodotti Made in Germany.

    Report

    Rispondi

  • Gios78

    23 Giugno 2014 - 16:04

    Ah, la grossa ubriacona...ha ritrovato l'uso della parola, ammesso che il tedesco possa essere considerato una lingua e non un esercizio per una gara di sputi.

    Report

    Rispondi

  • tacos

    23 Giugno 2014 - 15:03

    Anche oggi 23 giugno un suicidio a Reggio Emilia causa l'insopportabile situazione di un disoccupato che ha subito l'ennesimo sfratto per la crisi che questi incapaci, irresponsabili, incompetenti politici Italioti e Europei hanno creato nel nostro Paese. Quanti suicidi hanno, queste bestie, sulla coscienza, quante situazioni di povertà devono subire ancora migliaia di famiglie? Vergognatevi.

    Report

    Rispondi

blog