Cerca

In fuga verso la Siria

Due sedicenni inglesi scappano di casa per sposare i jihadisti

Due sedicenni inglesi scappano di casa per sposare i jihadisti

Hanno lasciato Manchester per unirsi ai jihadisti dello Stato islamico dell’Iraq e del Levante in Siria due gemelle inglesi di 16 anni, originarie della Somalia, il cui fratello maggiore era già stato arruolato dai miliziani che combattono il regime di Bashar al-Assad. Lo riporta il Daily Mail spiegando che le due ragazze sono fuggite da casa in piena notte e salite su un aereo per Istanbul, in Turchia, da dove poi hanno raggiunto la Siria.
A dare l’allarme sono stati i genitori, che quando sono andati a svegliarle la mattina perché andassero al college hanno trovato i loro letti vuoti. Da un controllo sui passaporti, la polizia ha verificato  che le due erano volate a Istanbul, mentre la squadra dell’antiterrorismo è stata allertata dopo che le due sorelle hanno contattato i genitori per dire loro che erano in Siria e non avevano  intenzione di tornare in patria.
In base alle prime indagini emerge che l’intenzione delle due ragazze, definite come «estremamente religiose», era quello di offrirsi in sposa ai jihadisti dell’Isil. Si stima che siano 1.500 i cittadini britannici in Siria a combattere contro il regime di Assad.  Il capo della polizia di Manchester Peter Fahy ha denunciato il «lavaggio del cervello» fatto a ragazze e ragazzi che «stanno tentando di entrare in Siria». In particolare, le ragazze «credono di andare là per diventare spose del jihad», i «genitori sono disperati».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fulcrum29

    08 Luglio 2014 - 09:09

    Spero che l'esempio venga seguito da altre donne musulmane perchè ovunque vale la stessa regola meno musulmani = più sicurezza e più pace!

    Report

    Rispondi

  • brontolo1

    07 Luglio 2014 - 22:10

    in inghilterra non applicano il trattato di scenghen sulla libera circolazione perchè vogliono essere sicuri di chi arriva lì,e poi 2 minorenni riescono a prendere un aereo da sole?mi puzza!o erano accompagnate da qualcuno,o gli inglesi hanno voluto togliersele dalle palle!inoltre gli arabi asiatici ai somali (ma avolte anche a magrebini,egiziani e africani tutti),non li considerano arabi ma negri

    Report

    Rispondi

  • Gios78

    07 Luglio 2014 - 17:05

    "gemelle inglesi originarie della Somalia". Questa è buona. Le due africane sono andate a fare quello per cui sono nate: sparare in aria con un mitra, pregare Allah e procreare terroristi. Gli inglesi non hanno perso niente.

    Report

    Rispondi

  • fossog

    07 Luglio 2014 - 13:01

    la gran bretagna si è liberata di due cittadine, si fà per dire, che di inglese non avevano nulla. Un bene, ed un vantaggio per gli inglesi veri che stanno in inghilterra. Dov'è il problema ? magari ce ne fossero di più che se ne Ritornano nella loro sub-cultura.

    Report

    Rispondi

blog