Cerca

Medio Oriente senza pace

Raid aerei e missili: tra Palestina e Israele è guerra

Già 25 morti nella striscia di Gaza. E Nethanyau annuncia la campagna di terra

Raid aerei e missili: tra Palestina e Israele è guerra

Guerra. Guerra vera e propria. Mentre tutto il mondo "normale", ieri sera, seguiva con partecipazione e sorpresa la semifinale dei Mindiali di calcio in Brasile, tra Israele e Palestina scoppiava la guerra. L'ennesima. Tra raid degli F16 israeliani sulla striscia di gaza e missili lanciati nella direzione opposta, dallo "Stato" palestinese verso le due prin cipali città ebraiche: Tel Aviv e Gerusalemme. Già da ore, le autorità israeliane avevano fatto riaprire i rifugi anti-missili e ieri, a più riprese, le sirene sono suonate a segnalare l'arrivo di razzi da Gaza. Israele, da parte sua, ha lanciato circa 160 raid aerei in poche ore che hanno distrutto 120 postazioni lanciamissili, dieci centri di comando e numerosi tunnel scavati sotto la frontiera palestinese. Alcuni dei missili palestinesi, comunque, sono andati a segno, soprattutto nella zona di Tel Aviv, senza però causare vittime o feriti. Nella striscia di Gaza, invece, già nella tarda serata di ieri si contavano 25 morti. E il governo di Benjamin Nethanyau ha annunciato l'imminenza di un attacco di terra, che avrebbe l'effetto sicuro di moltiplicare le vittime.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • alkhuwarizmi

    09 Luglio 2014 - 18:06

    I raid aerei con la stella di Davide sono la risposta alla pioggia di razzi di fabbricazione iraniana che colpiscono l'intero Israele. E la maggior parte delle vittime civili palestinesi sono la conseguenza delle postazioni militari di Hamas installate in mezzo alle abitazioni della popolazione, di cui tragicamente si fanno scudo. "Avete aperto le porte dell'inferno": sì, ma quello che divora Gaza

    Report

    Rispondi

  • heinreich

    09 Luglio 2014 - 16:04

    la pace con i fanatici terroristi di hamas tanto amati dai compagni bertinotti, fo, rodotà, ingrao e scalfarii è impossibile ed è ora che Israele li annienti definitivamente.

    Report

    Rispondi

blog