Cerca

L'ultima minaccia

Gaza, l'ultimatum di Peres: "Stop ai razzi, o invadiamo la Striscia"

Gaza, l'ultimatum di Peres: "Stop ai razzi, o invadiamo la Striscia"

 Prosegue l’offensiva israeliana e aumenta il bilancio delle vittime a Gaza dopo una nuova notte di raid  sulla Striscia. Secondo l’agenzia di Hamas Alray, le  persone uccise, dopo 48 ore di bombardamenti, sarebbero almeno 80, oltre 550 i feriti. Prosegue anche il lancio di razzi di Hamas su Israele.  Il presidente israeliano, Shimon Peres, afferma: "L'offensiva di terra potrebbe esserci molto presto. Ma se i razzi da Gaza si fermeranno stanotte, non ci sarà alcuna offensiva di terra". Questa la condizione posta da Tel Aviv per evitare un attacco che non si limiti soltanto alla via aerea. La notizia è stata rilanciata inizialmente dalla Cnn. Mentre la diplomazia è al lavoro,  Israele sta iniziando le operazioni di schieramento di carri armati lungo il confine con la Striscia.

La mediazione - L’Egitto è impegnato su più fronti per porre fine ai raid aerei israeliani su Gaza. Secondo quanto riferiscono fonti del governo del Cairo al quotidiano al Ahram, l’Organizzazione per la Conferenza islamica (Oci) terrà sabato prossimo a Gedda, in Arabia Saudita, una riunione del comitato esecutivo per discutere della situazione a Gaza. Intanto il ministro degli Esteri egiziano, Sameh Chokri, sta discutendo con i suoi omologhi arabi su quale possa essere la via da intraprendere per porre fine all’offensiva militare israeliana. 

L'operazione - Nella notte tra martedì e mercoledì sono stati attaccati 160 obiettivi: il totale è salito a 430 in 48 ore, ossia dall'inizio dell'operazione chiamata "Confine Protettivo", la più imponente al 2012. Il bilancio delle vittime, incerto, sale di ora in ora: le stime ufficiali indicano 43 morti, tra i quali 7 minori. Israele, ha affermato il premier Benjamin Netanyahu, fa sapere che "intensificheremo ulteriormente gli attacchi contro Hamas e le organizzazioni del terrore a Gaza". Il premier palestinese, Abu Mazen, ha replicato denunciando l'uccisione di "intere famiglie", e ha usato la parola "genocidio" nei confronti del suo popolo. Tel Aviv ribatte parlando di "omicidi mirati".

I missili - Da parte sua, Hamas, non demorde e continua a bersagliare lo stato ebraico con una pioggia di razzi: dalla mezzanotte di mercoledì ne sono stati lanciati almeno 17, dei quali però solo sette hanno raggiunto il territorio israeliano (gli altri sono stati intercettati e distrutti in volo dal sistema di difesa Iron Dome). Cinque dei razzi, che non hanno colpito l'obiettivo, puntavano su Tel Aviv. Altri sono finiti in mare al largo di Haifa, circa 70 km più a nord. Un missile ha raggiunto Hadera, che dista 116 chilometri da Tel Aviv: si tratta dell'attacco in assoluto alla più elevata latitudine settentrionale mai partito da Gaza. Hamas, dunque, è riuscita ad allargare la gittata del suo attacco, superando i 100 chilometri.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Meneghino

    14 Luglio 2014 - 03:03

    Cari arabi cosiddetti palestinesi sodali di HAMAS, avete voluto giocare con i vostri razzi lanciandoli sul territorio israeliano ? Vi siete divertiti ? Vi avevano avvisato che era il caso di smetterla con questo gioco pericoloso ? Vi piace tanto la politica guerrafondaia di HAMAS ? Benissimo, ora pagate e pagherete salato per la vostra grande stupidità e arroganza e conseguenti vostri errori !

    Report

    Rispondi

  • Braeddy

    11 Luglio 2014 - 12:12

    Loredana De Petris... lascia perdere di fare il punto sulla situazione mediorientale a RaiNews24. NON sei in grado o per ignoranza o per malafede o per entrambe le cose di fare diagnosi di sorta! Ascolta Specchia di "Libero" che ha le idee più chiare e obbiettive delle tue! Mentre tanto ti dovevo distintamente ti saluto Edoardo Brambilla - Milano

    Report

    Rispondi

  • romamaccio

    10 Luglio 2014 - 07:07

    Tutti superficiali,in testa l'onu,BISOGNA fermare subito questi terroristi palestinesi e condannare il loro capo Hammas.Voi v'immagginate cosa potrebbe succedere se un missile colpisse una centrale nucleare Israeliana? Peggio di Cernobil,dopo molti anni continuamo a subire le consequenze! E l'Italia è ancora più vicina.

    Report

    Rispondi

  • Gios78

    09 Luglio 2014 - 20:08

    Mi spiace ma stavolta Peres ha torto. Quando si inizia a fare pulizia si va fino in fondo. Questa è l'occasione per cancellare i palestinesi dal Medio oriente quindi Israele dovrebbe attaccare via terra e occupare tutto.

    Report

    Rispondi

blog