Cerca

Sparite

Farnesina: due cittadine italiane rapite in Siria

Farnesina: due cittadine italiane rapite in Siria

Due cittadine italiane sono "irreperibili" in Siria. La conferma arriva dalla Farnesina.  Le due donne si trovavano ad Aleppo per lavorare a progetti umanitari indipendenti nel settore sanitario idrico.  Sul caso stanno lavorando l'unità di crisi e la nostra intelligence. Sono  stati immediatamente attivati tutti i canali informativi e di ricerca per i necessari accertamenti. L’unità di crisi ha già preso contatto con le  famiglie che vengono tenute costantemente informate sugli sviluppi del caso.

Le volontarie italiane, la 21enne Vanessa Marzullo di Brembate (in provincia di bergamo, lo stesso paese di Yara Gambirasio) e la 20enne Greta Ramelli di Besozzo in provincia di Varese, lombarde, sono le fondatrici del progetto di assistenza medica Horryaty. Erano al secondo viaggio in Siria e questa volta erano entrate nel paese il 28 luglio passando da Atma, uno dei più grandi campi profughi siriani. Il rapimento sarebbe avvenuto nella notte tra giovedì e venerdì, meno di 72 ore dopo il loro arrivo in Siria. Secondo fonti locali, diverse decine di uomini armati avrebbero circondato l'abitazione dove le due donne si trovavano insieme a due uomini di scorta, a loro volta sequestrati ma liberati dopo poche ore. Le due ragazze avevano con loro anche circa quattromila euro in contanti. Vanessa e Greta avevano partecipato anche alla manifestazione che si era tenuta a Roma lo scorso marzo a sostegno del popolo siriano.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • romamaccio

    07 Agosto 2014 - 10:10

    Potrebbe anche essere essere studiato a tavolino insieme al governo un finanziamento illecito sotto forma del pagamento di riscatto girato ai finti sequestratori, come fanno i mafiosi per pulire il denaro sporco intestandolo a prestanomi. che sarebbero l'associazione delle ragazze!

    Report

    Rispondi

  • heinreich

    07 Agosto 2014 - 10:10

    se dovessero tornare spero che al rientro non inneggino all'islam come fecero le 2 vispe terese anni fa.

    Report

    Rispondi

  • marks

    07 Agosto 2014 - 10:10

    Sono solo due compagne in calore ....

    Report

    Rispondi

  • papik40

    07 Agosto 2014 - 09:09

    Le loro famiglie paghino le spese per la loro liberazione cosi' come dovrebbe esser fatto per tutti quelli che praticano sport pericolosi!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog