Cerca

Sparite

Vanessa Marzullo: la ventenne di Brembate rapita in Siria

Vanessa Marzullo: la ventenne di Brembate rapita in Siria

Vanessa Marzullo e Greta Ramelli sono le due volontarie italiane rapite ad Aleppo, in Siria. Le due ragazze, fondatrici del Progetto Horryaty, sono irreperibili ormai da 6 giorni, questo quanto ha dichiarato la Farnesina oggi 6 agosto. Le due ragazze sarebbero state rapite da un commando di uomini armati, probabilmente dei comuni criminali, nei dintorni di Aleppo.  Secondo l’inviato ad Aleppo del sito di news "Syria Mubasher", "le due attiviste sono state viste per l’ultima volta venerdì primo agosto  prima del rapimento da parte di un gruppo armato sconosciuto dall’abitazione del capo del Consiglio rivoluzionario della zona". Le ragazze, stando alla ricostruzione, dovevano "rimanere per qualche giorno nella casa". Secondo l’inviato del sito, "le due cooperanti erano insieme a un giornalista che è riuscito a  sfuggire al sequestro".

Vanessa - Vanessa abita a Brembate, in provincia di Bergamo, è nata il 31 dicembre 1992, frequenta l'Università degli Studi di Milano, iscritta al corso di laurea di Mediazione Linguistica. Da tempo si interessava di progetti umanitari e della terribile situazione in Siria, a marzo lei e Greta avevano partecipato anche alla manifestazione che si era svolta a Roma a sostegno della Siria. Sul suo profilo Facebook ha dedicato diversi post ai bambini che hanno perso la vita negli scontri, ecco cosa scriveva il 16 luglio: Rosso, rosso come quel lettino, e sul lettino il corpicino martoriato della bambina di Aleppo le cui gambe sono state polverizzate da un'esplosione. Rosso come le macchie ormai incrostate sulle pareti e il pavimento, nell'angolo della stanza dove vi hanno torturati fino a farvi desiderare la morte, fino a farvi morire in maniera indicibile..

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • plt56

    09 Agosto 2014 - 19:07

    sperro non diventi un caso tipo sgrena 2 perchè non è proprio il caso. ci penseranno i loro genitori visto che senza tanti scrupoli le hanno lasciate partire

    Report

    Rispondi

  • soraman

    08 Agosto 2014 - 16:04

    Ma quali sono i problemi? 1) Si amano teneramente a videnda e possono continuare a farlo. 2) Impazziscono per quel drappo e, laggiù, ne trovano quanti vogliono 3) Hanno ottenuto un successo mediatico strepitoso. E noi? Dobbiamo lasciarle dove sono che godano e fare gli affari nostri che sono di gran lunga, più importanti. E basta!

    Report

    Rispondi

  • allerria

    07 Agosto 2014 - 13:01

    i parenti delle donzelle hanno chiesto ai giornalisti di raccontare la verità sul quel cattivone di Assad,siccome io non mi fido dei giornalisti,vi consiglio questo sito http://theync.com/,vi sono i video delle imprese dei ribelli siriani e anche altro,vi renderete conto di quanto sono sceme queste due e parenti loro e che razza di bestie sta finanziando il colorato premio nobel per la pace,ciao

    Report

    Rispondi

  • cell43

    07 Agosto 2014 - 11:11

    Che se le tengano in Siria non ne sentiremo la mancanza.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog