Cerca

La ritorsione

Putin e lo stop alle importazioni: si rischia un danno da 2,5 miliardi

Putin e lo stop alle importazioni: si rischia un danno da 2,5 miliardi

Per il momento è una guerra commerciale a bassa intensità. Come tutto il resto del conflitto, peraltro. La Russia ha bloccato per un anno le importazioni di alcuni prodotti agro-alimentari. È la risposta alle sanzioni decise da Usa, Europa, Canada e Australia dopo l'annessione della Crimea e la strana guerra con l'Ucraina: missili e proiettili fanno strage ma sembra che vengano sparati per autocombustione. Ieri il Cremlino ha diffuso l'elenco dei prodotti agricoli vietati. Si tratta di carne, pesce, frutta e ortaggi, latte, formaggi e derivati. Lo stop avrà ricadute evidenti sul made in Italy ma non ancora devastanti. Le nostre esportazioni di ortofrutta valgono 131 milioni, carni fresche e lavorate 78 milioni, latte e derivati 51 milioni. Un impatto che riguarda solo il 10,3% delle vendite delle specialità alimentari in Russia (circa un miliardo). Fortunatamente resta al momento fuori il grosso delle esportazioni rappresentato da vino e spumanti. Complessivamente valgono 260 milioni e sono in crescita rispettivamente del 12 e del 49%. (...)


Continua a leggere l'approfondimento di Nino Sunseri
su Libero in edicola oggi venerdì 8 agosto

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • spalella

    08 Agosto 2014 - 15:03

    se da europeo devo scegliere, mi appoggio più volentieri alla Russia europea e in via di democrazia che NON agli Usa Americani.... e tutti i popoli europei, ad eccezione dell'est ancora scioccato, la pensano al contrario dei loro governi. Sarebbe PROPRIO ora che i popoli IMPARASSERO a far sentire la propria voce ai maledetti governanti.

    Report

    Rispondi

  • xulxul

    08 Agosto 2014 - 13:01

    E i coglioni dei nostri politici cosa diranno adesso? Si sono fatti infinocchiare anche stavolta dali usa con attentato false-flag pretestuosanente imputato a Mosca. Pil a -2% e fanmo i gradassi con Putin che se la ride avendo in mano anche il rubinetto del gas. Bisogne essere proprio dei dementi patentati per danneggiarsi in questo modo.

    Report

    Rispondi

  • flikdue

    08 Agosto 2014 - 13:01

    Continuiamo pure a darci martellate sulle palle !!!!

    Report

    Rispondi

blog