Cerca

La morte del ragazzo afroamericano

A Ferguson arriva la Guardia nazionale. L'autopsia sul 18enne: sei colpi, due alla testa

A Ferguson arriva la Guardia nazionale. L'autopsia sul 18enne: sei colpi, due alla testa

A Ferguson arriverà la Guardia nazionale. Lo ha deciso il governatore del Missouri, Jay Nixon, dopo una notte che ha visto continuare le violenze e gli scontri tra polizia e manifestanti che chiedono giustizia per Michael Brown, il giovane afroamericano ucciso da un agente lo scorso 9 agosto. Intanto sono arrivati i risultati dell'autopsia indipendente condotta su richiesta della famiglia del ragazzo dal dottor Michael Baden, ex capo medico legale di New York: il 18enne di colore è stato colpito con un’arma da fuoco almeno sei volte, di cui due alla testa. Secondo Baden, ha riportato il New York Times, uno dei proiettili è entrato nella parte superiore del cranio di Brown, il che significherebbe che la testa del giovane era piegata in avanti. Questa, afferma il medico, è stata probabilmente l’ultima pallottola a colpire il 18enne, il quale è stato inoltre raggiunto da quattro proiettili al braccio destro. Non sembra, ha riferito il quotidiano, che i colpi siano stati esplosi da una distanza ravvicinata, perché sul corpo del giovane non sono state trovate tracce di polvere da sparo. Questa valutazione potrebbe tuttavia cambiare se simili residui fossero trovati sui vestiti di Brown, che non sono stati esaminati dal medico. Alcuni dei proiettili, ha riferito il medico, sono usciti e rientrati nel corpo del giovane più volte. Secondo Baden, Brown non sarebbe sopravvissuto anche se fosse stato portato subito in ospedale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • carpa1

    18 Agosto 2014 - 16:04

    Alcuni dei proiettili, ha riferito il medico, sono usciti e rientrati nel corpo del giovane più volte ????? Cioè, i proiettili andavano a spasso per conto loro. Qui qualcuno bara: il giornalista o il medico legale.

    Report

    Rispondi

  • plaunad

    18 Agosto 2014 - 13:01

    E con questo si dimostra che il razzismo vero é negro. Se fosse successo il contrario non capiterebbe nulla. Ipocriti !

    Report

    Rispondi

  • Gios78

    18 Agosto 2014 - 11:11

    Sei colpi di cui due in testa. Un esecuzione. Brown non sarà stato uno stinco di santo ma non meritava di essere ammazzato in quel modo. L'agente voleva uccidere,non fermarlo. Altrimenti non gli avrebbe svuotato il caricatore addosso. Se ne sentono troppe sulla polizia Usa,forse è davvero il caso di mettere qualche limite ai suoi poteri.

    Report

    Rispondi

    • plaunad

      18 Agosto 2014 - 13:01

      Per farli diventare come dei calabrache inutili come in Italia ? Ma per piacere. Magari li avessimo così anche qui.

      Report

      Rispondi

      • magall

        19 Agosto 2014 - 11:11

        "Magari li avessimo così anche qui" Bravo plaunad: così potrebbero sparare, impunemente, anche a te o a tuo figlio!!

        Report

        Rispondi

blog