Cerca

La ricerca

I servizi inglesi braccano il boia di Foley

I servizi inglesi braccano il boia di Foley

A un passo dal boia. "Lo abbiamo identificato". L'intelligence britannica afferma di conoscere nome e cognome del boia di James Foley ma non vuole divulgare la sua identità. L'uomo che ha sgozzato James Foley potrebbe essere con ogni probabilità il ventitreenne ex cantante hip hop Abdel-Majed Abdel Bary, figlio di un rifugiato politico egiziano estradato negli Stati Uniti con l'accusa di affiliazione ad Al Qaeda. Ma Bary non è certamente l'unico cittadino britannico convertito alla Jihad a combattere per lo Stato islamico. Per questo, secondo quanto rivela il domenicale Mail on Sunday, la Gran Bretagna ha inviato nelle ultime 48 in Iraq e Siria "una forza significativa" composta da soldati della Special Air Service (Sas) e della Special Reconnaissance Regiment (Srr) per "effettuare operazioni high tech che puntano alla cattura di estremisti britannici nel giro di qualche giorno". L'obiettivo primario resta il boia di Foley.

Le mosse di Londra - Nel nord dell'Iraq, le forze speciali britanniche, in mini-gruppi composti da quattro uomini, si sono unite ai curdi e alle forze di Baghdad che combattono gli jihadisti. "È possibile individuare jihadisti britannici intercettando i loro messaggi radio. Una volta catturati, esami del Dna e registrazioni vocali in arabo e in inglese saranno comparati con i dati già a nostra disposizione", ha spiegato una fonte dei Sas. Per il ministro degli Esteri britannico, Philip Hammond, questi jihadisti dall'accento inglese sono "il tradimento profondo" dei valori della Gran Bretagna ma soprattutto costituiscono una minaccia reale poiché potrebbero tornare e "colpirci".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • maxdemax

    maxdemax

    25 Agosto 2014 - 11:11

    Se i SAS fano un ottimo lavoro non ne sentiremo più parlare.Purtroppo le guerre sono sanguinose, non esiste una guerra senza sangue, bisogna solo decidere se vogliamo vincere o perdere. Se purtroppo bisogna combattere un guerra, nostro malgrado, bisogna mettere da parte il moralismo, e decidere che conviene fare di tutto per vincerla piutosto che perderla.

    Report

    Rispondi

  • filen

    filen

    25 Agosto 2014 - 09:09

    E quando lo prenderanno voglio proprio vedere se i suoi nuovi amici muoveranno dito per salvarlo ma non credo proprio diranno solo che si è immolato al grande Allah ahah

    Report

    Rispondi

  • filen

    filen

    25 Agosto 2014 - 07:07

    Un morto che cammina

    Report

    Rispondi

  • cartonito

    25 Agosto 2014 - 00:12

    poveretto fa pena non si sa se ci è o ci fa magari tutte edue ,quando lo avete preso fateli mangiare il sanguinaccio del maiale fin che non scoppia .

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog