Cerca

Allarme terrorismo

Londra, Boris Johnson: "Gli inglesi in Siria? Colpevoli fino a prova contraria".

Londra, Boris Johnson: "Gli inglesi in Siria? Colpevoli fino a prova contraria".

"Colpevoli fino a prova contraria". È questa la proposta del sindaco di Londra, Boris Johnson, che ha chiesto che il principio della presunzione di innocenza sia ribaltato nei casi in cui cittadini britannici si rechino in Siria e in Iraq per combattere il jihad. Secondo il primo cittadino di Londra, questa modifica di legge dovrebbe essere introdotta così che tutti quelli che si recano in quei Paesi, senza aver prima avvisato le autorità, possano essere automaticamente sospettati di essere terroristi.

Revoca della cittadinanza - Johnson si è detto inoltre favorevole alla proposta secondo la quale a tutti i britannici che si recano a combattere in Siria e in Iraq nelle fila dello Stato islamico debba essere revocata la cittadinanza. Quelli che "continueranno a professare fedeltà ad uno stato terrorista" dovrebbero perdere la loro cittadinanza britannica, ha scritto il sindaco in un editoriale sul Daily Telegraph. "E' necessario che sia chiaro che verranno arrestati se si recheranno in Siria o in Iraq senza una buona ragione".

"Fermarli adesso" - Johnson ha poi sostenuto l’idea secondo cui il Regno Unito dovrebbe affrontare lo Stato Islamico e "cercare di fermarlo adesso", perché non agire significherebbe "un’ondata di terrore che alla fine arriverà a bussare alle nostre porte". "Non fare niente è la cosa peggiore di tutte" ha scritto sostenendo che i "pazzi" dell’Isil devono essere affrontati- "Qual è il senso di avere un budget per la difesa, se non cerchiamo almeno di prevenire la creazione di un califfato profondamente ostile ai valori di civiltà?".

Jihadi John - Il sindaco londinese ha auspicato inoltre che i killer del giornalista americano, James Foley, siano eliminati. Secondo l’ambasciatore britannico negli Stati Uniti, Sir Peter Westmacott, le agenzie di intelligence di Londra sarebbero vicine all’identificare il presunto killer del giornalista, soprannominato ’Jihadi John’.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • LibItalAus

    LibItalAus

    26 Agosto 2014 - 17:05

    "Colpevoli fino a prova contraria" Su questo argomento sono piu` che d'accordo e credo che si siano sprecati troppi anni a far finta di niente. Pensando che a casa nostra non potra` mai succedere niente perche` noi siamo accoglienti, ospitali, comprensivi, protettivi ecc.

    Report

    Rispondi

  • Renee59

    25 Agosto 2014 - 16:04

    Bravo.

    Report

    Rispondi

  • fossog

    25 Agosto 2014 - 16:04

    ovviamente, in questo contesto, sono d'accordo con questa teoria. Ma valla a raccontare al becero buonismo-permissivismo italiano, basato sulla becera cultura Catto-Mediorientale che perdona tutti e che alleva quindi i delinquenti. Ci porta in casa centinaia di migliaia di inutili e di musulmani, il vaticano, e poi predica di porgergli l'altra guancia... Bravi inglesi, alla faccia del vaticano

    Report

    Rispondi

  • eden

    25 Agosto 2014 - 15:03

    Renzi, Alfano e Fassino cosa dicono? Si comportano come dei codardi? Dicano cosa intendano fare x contrastare il terrorismo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog