Cerca

L'atto estremo

Inghilterra, fuggono dall'ospedale con il figlio malato di tumore: è caccia ai genitori

Inghilterra, fuggono dall'ospedale con il figlio malato di tumore:  è caccia ai genitori

"Un bambino gravemente malato potrebbe morire, a meno che non venga trovato". E' l'avvertimento della polizia inglese sul caso di Ashya King, il bimbo di 5 anni portato via dai genitori da un ospedale senza il consenso dei dottori.

L'atto estremo nella notte - Il bambino era ricoverato all'ospedale di Southampton, Gran Bretagna, per un tumore al cervello. Nella scorsa notte, 28 agosto, la famiglia ha fatto la scelta più estrema (e illegale). Verso le due di notte papà e mamma King si sono recati nella struttura ospedaliera e hanno prelevato il figlio, facendosi riprendere dalle telecamere interne e sottraendosi ai controlli dei medici e dei funzionari. Prelevato il figlio si sono diretti al porto di Portsmouth per prendere il primo traghetto per Cherbourg, nel nord della Francia. La famiglia quindi, secondo la polizia, starebbe vagabondando in quella zona, senza meta.

Rapimento ingiustificato - Non si comprendono ancora dinamica e ragione che hanno spinto i due genitori a compiere un simile gesto, che ne vale la vita del figlio. Data la criticità della condizione fisica del bimbo, la polizia si è immediatamente messa al lavoro anche sui social network, sui quali hanno pubblicato foto del padre, della madre e della macchina su cui sono stati ripresi al porto. Tutto questo lottando contro il tempo, perché i dottori hanno riferito che il bambino sta soffrendo e che senza cure ha poco tempo. Il capo del dipartimento di polizia dell'Hampshire, Dick Pearson, ha diffuso un appello: "Chiunque abbia notizie di dove si trovi il piccolo le riferisca". A fine luglio Naveed, il fratello di Ashya, aveva postato un commovente video su YouTube in cui raccontava il dramma della famiglia King.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog